• Italia
  • domenica 18 giugno 2017

A Milano arriva il bike sharing “free floating”

Cioè un sistema per utilizzare biciclette condivise senza stazioni fisse di prelievo e deposito, un po' come i servizi di car sharing

Un uomo in bicicletta fotografato in Piazza del Duomo a Milano, a febbraio 2017 (MIGUEL MEDINA/AFP/Getty Images)

Dal 5 luglio, Milano sperimenterà il sistema di bike sharing “free floating”, che a differenza dei sistemi di condivisione delle biciclette ai quali siamo abituati, non avrà postazioni fisse dalle quali prelevare e riporre le biciclette. La sperimentazione durerà tre anni e prevede che vengano impiegate fino a 12mila biciclette: il servizio non sarà fornito dal Comune, ma da aziende private. Concretamente, funzionerà un po’ come per i sistemi di car sharing, per i quali non è necessario l’utilizzo di stazioni fisse: attraverso una app collegata al GPS delle biciclette sarà possibile trovare quella più vicina, sbloccare il lucchetto integrato, utilizzare la bicicletta senza limiti di tempo e poi parcheggiarla ovunque ci si trovi, chiudendo di nuovo il lucchetto con l’app senza che sia necessario legarla a un supporto. Il sistema GPS servirà anche per bloccare le biciclette da remoto in caso di furto. Non sono ancora chiare le modalità con cui andranno parcheggiate le bici: se per esempio lo si potrà fare soltanto nelle rastrelliere, o anche in altri posti.

Le aziende che verranno selezionate potranno fornire il servizio anche nei comuni confinanti e dovranno provvedere a ricollocare periodicamente le biciclette nelle zone di maggiore utilizzo utilizzando solo furgoncini e altri mezzi elettrici o a basso inquinamento.
Il servizio dovrà essere assicurato 24 ore su 24 tutti i giorni per la durata totale della sperimentazione. Inoltre, ogni azienda potrà mettere a disposizione non meno di 1000 biciclette e non più di 4000, delle quali il novanta per cento dovrà sempre essere utilizzabile. Le richieste delle aziende interessate a partecipare alla sperimentazione verranno valuatate da una commissione ogni 5 del mese, e i primi operatori saranno già disponibili dal 5 luglio.

Mostra commenti ( )