danish girl
  • Moda
  • 19 febbraio 2016

Perché i vestiti di “The Danish Girl” sono importanti

Raccontano la storia di liberazione personale di una delle prime persone a cambiare sesso: e infatti il film è candidato all'Oscar per i Migliori costumi

danish girl

È uscito al cinema The Danish Girl, un film diretto da Tom Hooper che racconta la storia della pittrice danese Lili Elbe, una delle prime persone al mondo a sottoporsi a un intervento chirurgico per cambiare sesso, da uomo a donna. Lili Elbe, il cui primo nome era Einar Wegener, è interpretata da Eddie Redmayne (che l’anno scorso ha vinto l’Oscar come miglior attore per il ruolo di Stephen Hawking in La teoria del tutto) e nel cast c’è anche Alicia Vikander nella parte di Gerda, a sua volta pittrice e moglie di Einar Wegener. Il film è tratto dall’omonimo libro pubblicato nel 2000 dallo scrittore americano David Ebershoff, ed è candidato ai premi Oscar per il Miglior attore protagonista, la Miglior attrice non protagonista, la Miglior scenografia e i Migliori costumi.

danish

I costumi sono stati realizzati dallo stilista spagnolo Paco Delgado, già candidato al Premio Oscar per quelli di Les Misérables; ha anche vinto due premi Goya, i più importanti premi cinematografici spagnoli, e curato gli abiti per Biutiful di Alejandro González Iñárritu con Javier Bardem, e Blancanieves di Pablo Berger. I vestiti hanno un ruolo centrale in The Danish Girl, non solo perché trattandosi di un film in costume – la storia si svolge a Copenaghen e Parigi dal 1926 al 1931 – hanno richiesto molta cura e ricerche, ma anche per il valore simbolico che assumono nel raccontare la storia e la personalità di Lili Elbe. Riflettono da un lato la rivoluzione della moda dell’epoca – corpetti e crinoline rimpiazzati da abiti più comodi che scoprivano parti prima nascoste del corpo femminile – dall’altro il percorso di liberazione personale di Elbe.

rossetto

Come ha raccontato Delgago a Harper’s Bazaar, la cosa più importante è stata rendere l’idea che il corpo fosse per Elbe una prigione. I primi vestiti con cui compare nel film – ancora vestita da uomo – rispecchiano l’ambiente austero e conservatore dell’epoca: linee molto rigide, colletti alti e serrati, tessuti pesanti, grigi, neri e blu molto scuri. Delgado ha spiegato al sito di moda Fashionista che il film si apre con abiti «opprimenti. Volevamo mostrare una progressione nella vita di Lili e di come veniva liberata dalle restrizioni del corpo in cui viveva». Quando la coppia si trasferisce a Parigi, Elbe può indossare gli abiti da donna che desidera, esprimendo la sua personalità: i colori degli abiti diventano caldi, brillanti e luminosi, mentre i tessuti si fanno leggeri, come seta e chiffon, per permettere la libertà di movimento.

vestito2

Il trucco è un altro aspetto centrale del film: sia quello usato per nascondere i tratti maschili di Redmayne (che doveva essere quindi il più invisibile possibile) sia quello utilizzato dal personaggio di Lili Elbe per accentuare la sua femminilità. A occuparsene è stata Jan Sewell, che lo aveva fatto anche per Les Misérable e per La teoria del tutto. Ha spiegato che quando Einar si vestiva ancora da uomo ha accentuato la mascella di Redmayne, mentre poi ha dovuto lavorare a lungo per rendere la sua carnagione più delicata. La maggiore difficoltà è stata la telecamera ad alta definizione utilizzata per girare il film: «Sapevo che Tom avrebbe ripreso da vicino alcune delle scene più emotive, e non volevo che si vedesse che Eddie indossava il trucco». Racconta anche che quando nel film Lili inizia a truccarsi, lo fa in modo pesante. Lo stesso Redmayne le aveva spiegato che «spesso quando una persona inizia la transizione tende ad assumere un aspetto ultra-femminile. Per questo abbiamo scelto una parrucca rame acceso e un rossetto molto forte».

A122_C001_0304FP

Delgado e Sewell hanno fatto molte ricerche e prima di iniziare le riprese sono andati con il regista a Copenaghen, per farsi un’idea del clima e dell’architettura della città, studiare le foto e i ritratti di Einar e Gerda Wegener in biblioteca, e cercare vestiti e accessori dell’epoca. Utilizzare abiti vintage è stato praticamente impossibile: Redmayne e Vikander sono troppo alti per indossare gli abiti delle donne dell’epoca, che erano molto piccole e minute. Inoltre gli abiti e i tessuti degli anni Venti sono molto rovinati dal passare del tempo e anche perché venivano spesso tagliati e impiegati per confezionare nuovi vestiti. Hanno quindi comprato abiti e tessuti dell’epoca, li hanno smembrati e ricomposti nei costumi del film: di fatto il 90-95 per cento dei costumi di Redmayne e Vikander sono stati creati da Delgado. Lo stilista ha detto di essersi ispirati agli abiti che indossavano i Wegener nelle foto e nei ritratti ma di averne riproposto fedelmente soltanto uno, quello indossato da Einar nella scena in cui posa per la moglie nei panni della ballerina Ulla.

vestito

Per inventare i costumi Delgado ha studiato i più importanti stilisti dell’epoca, associando lo stile di ognuno al carattere di un personaggio. I vestiti della ballerina Ulla, interpretata da Amber Heard, sono ispirati a quelli di Paul Poiret, probabilmente il più celebre stilista di inizio secolo, e sono caratterizzati da colori vivaci e alla moda; Lili indossa molti robe de style alla Lanvin: abiti molto teatrali e spettacolari, stretti in vita e con ampie gonne. La moglie Gerda invece è più vicina agli abiti pratici e senza corsetto di Coco Chanel: «la donna di Chanel era completamente libera, più sportiva», spiega Delgado. Nelle scene finali anche Lili Elbe assume uno stile più vicino a Chanel, a indicare una maggiore fiducia in se stessa: «via via che si sente a più agio col suo corpo si libera di tutte le cose artificiali. Succede anche oggi: quando ti senti donna non hai bisogno di mostrare che lo sei. Questa era l’idea centrale». Tra i capi che riassumono meglio il simbolismo dei costumi ci sono le numerose sciarpe indossate da Elbe per mascherare il pomo d’Adamo; in una delle scene finali la sciarpa vola via scoprendole il collo, una metafora della libertà di essere se stessa.

sciarpa

Delgado ha anche detto che da un punto di vista dei costumi la sua scena preferita del film è quando Wegener indossa il suo ultimo completo da uomo: è un momento di passaggio tra i due mondi e, anche se è un capo maschile, lo porta già come una donna, scegliendo pantaloni larghi, tessuti fluidi e tinte vivaci. «L’abito girdava che questa persona non si adattava alle aspettative della società su di lei, alcuni ne erano molto offese. […] L’abito è una ribellione, un grido contro il conformismo della società: penso che sia un aspetto molto potente dei vestiti che in qualche modo abbiamo dimenticato. Ricordiamo che quando le donne iniziarono a indossare il New Look di Christian Dior (vestiti dalla vita accentuata che davano alle donne una forma a clessidra e sensuale, inventato da Christian Dior alla fine degli anni Quaranta, n.d.r.] finirono per indignarne altre e venire insultate per le vie di Parigi. Penso che i vestiti sono una cosa importante. Sì, sono frivoli e sono meravigliosi anche per questo, ma allo stesso tempo sono un messaggio politico e sociale molto potenti, e non dovremmo dimenticarlo».

Il trailer del film

Mostra commenti ( )