• Cultura
  • mercoledì 18 novembre 2015

“La ragazza sul treno” o “La ragazza del treno”?

Un libro uscito da due anni e sconosciuto finora ha venduto per sbaglio 30mila copie per il titolo quasi uguale a quello del bestseller dell'anno

David Benoit racconta sul Wall Street Journal la storia del libro Girl on a Train, scritto dall’inglese Alison J. Waines, che è diventato per errore uno degli ebook più scaricati in Australia e in Regno Unito degli ultimi tempi. Il libro – pubblicato negli Stati Uniti due anni fa, mai tradotto in italiano e praticamente sconosciuto fino a pochi mesi fa – ha venduto circa 30mila copie, la maggior parte in versione digitale, grazie al titolo quasi identico a quello di uno dei libri che quest’anno ha venduto di più, in Italia e nel resto del mondo: La ragazza del treno (in inglese The girl on the train), scritto da Paula Hawkins e uscito a gennaio.

Prima che il libro di Hawkins – cioè il bestseller – venisse pubblicato, The girl on a train aveva ricevuto su Amazon 40 recensioni. Oggi ne ha più di 300 (il libro di Hawkins ne ha 37mila); quella segnalata come più utile è di Bob Sabiston, regista e programmatore di computer, che si intitola “non QUELLA ragazza sul treno, oddio ho letto il libro sbagliato”, (in inglese “Not THAT “Girl on the Train” OMG I read the wrong book”). La recensione è anche negativa, 2 stelle su 5: Sabiston ha scritto che il libro non gli è piaciuto e che non ha capito l’attenzione mediatica che aveva attirato finché non si è reso conto dell’errore. Sabiston è una delle moltissime persone che hanno fatto confusione tra i due libri, su Amazon e nel mondo reale. Qualcuno però è contento di aver sbagliato libro; Elaine Collins ha scritto per esempio che «ho comprato il libro per errore… Il miglior errore che abbia fatto, il libro era impossibile da chiudere». Su Amazon Girl on a Train ha una valutazione piuttosto buona, di 3,9 stelle su 5.

La somiglianza tra i titoli ha portato ad altri equivoci piuttosto buffi, come quello di Jade Wilson, una giovanissima cantante pop americana, che ha raccontato al Wall Street Journal di essersi accorta di aver sbagliato libro solo durante una discussione a un circolo di lettura. Wilson ha comunque espresso un giudizio positivo sul libro, che è stato poi scelto come lettura dal gruppo. Un intero circolo di lettura nella piccola città di Needham, nel Massachusetts, ha letto e discusso il libro di Waines pensando che fosse il bestseller di Hawkins: la madre di Benoit faceva parte del club, che si è accorto dell’errore solo dopo che lui gliel’ha fatto notare.

I due libri, oltre al titolo, hanno anche in comune anche alcuni aspetti della trama. Entrambi parlano di donne scomparse, hanno per protagonista un personaggio femminile e sono ambientati a Londra ai nostri giorni. Il libro di Hawkins racconta la storia di Rachel Watson, che ha 32 anni e problemi di alcolismo, coinvolta nella sparizione di una ragazza; ha venduto più di 6 milioni e mezzo di copie nel mondo, e in Italia è stato pubblicato da Piemme. Girl on a train di Waines racconta invece della giornalista Anna Rothman, ossessionata dalla storia di una donna scomparsa che si era seduta accanto a lei in treno; ha venduto circa 30mila copie, la maggior parte delle quali in formato elettronico.

I libri con titoli e copertine simili sono sempre più diffusi: per ragioni economiche, dato che le case editrici ripropongono le stesse immagini per risparmiare; e per ragioni commerciali, perché quando un libro ha successo gli editori cercano di riproporre formule simili per invogliare o anche ingannare i lettori a comprare testi che li ricordino, o per ingannarli. È il caso per esempio dei molti libri che richiamano la grafica e il titolo della trilogia di Cinquanta sfumature di grigio, una delle più vendute degli ultimi anni, o quelli che sfruttano il successo del romanzo di Stieg Larsson Uomini che odiano le donne (in inglese il titolo è The girl with the dragon tattoo) con titoli come The Girl with the Dove Tattoo di Brian D. McLaren o Girl with the Cat Tattoo di Theresa Weir.

In questo caso però si tratta di una coincidenza, dato che il libro di Waines – quello di minor successo – è stato pubblicato due anni fa. Qualcosa di simile era capitato nel 2013, quando Stephen King pubblicò il romanzo Joyland. Il libro fu messo in vendita solo in versione cartacea e molte persone che cercavano quella elettronica comprarono invece Joyland, uscito nel 2006 e scritto da Emily Schultz, ignorato fino a quel momento.

Le copertine dei due libri
ragazza

Mostra commenti ( )