L’acqua fotografata da Edward Burtynsky

Le immagini di un grande fotografo canadese sono esposte a Milano fino al 1 novembre: alcune potete vederle qui

La mostra “Acqua Shock” è una raccolta di fotografie di Edward Burtynsky, noto fotografo canadese, in programma dal 3 settembre al 1 novembre a Palazzo della Ragione a Milano, a cura di Enrica Viganò. La mostra raccoglie 60 fotografie divise in sette capitoli – “Golfo del Messico”, “Devastazioni”, “Controllo”, “Agricoltura”, “Acquacoltura”, “Rive”, “Sorgenti” – e ha come protagonista l’acqua e tutti gli aspetti connessi alla sua origine, al suo utilizzo e al suo abuso. Nella mostra viene anche proiettato il documentario “Where I Stand”, prodotto dallo Studio Burtynsky per coinvolgere i visitatori nel processo di produzione delle fotografie. Per “Acqua Shock” Burtynsky ha fatto ampio uso di droni, elicotteri e strutture per poter inquadrare dall’alto i suoi soggetti.

Burtynsky è nato nel 1955 a St. Catharines, in Ontario, da genitori ucraini. Si è laureato in arti applicate con specializzazione in Fotografia all’Università Ryerson nel 1982, e nel 1985 ha fondato la Toronto Image Works, che offriva servizi per fotografi a Toronto. Le sue fotografie sono state esposte in alcuni dei più importanti musei del mondo, tra cui la National Gallery del Canada, il museo d’Arte Moderna e il museo Guggenheim di New York, il Museo Reina Sofia di Madrid. Inoltre molti lavori di Burtynsky appaiono ogni anno in numerosi periodici, tra cui Canadian Art, Art in America, The Smithsonian Magazine, Harper’s Magazine, Flash Art, National Geographic e il New York Times. I riconoscimenti ottenuti negli anni da Edward Burtynsky includono il premio TED, il premio Outreach al Rencontres d’Arles, il premio Roloff Beny Book, e il premio Rogers Best Canadian Film.

Mostra commenti ( )