Latorre Girone
  • Italia
  • lunedì 27 luglio 2015

Il caso Latorre-Girone è vicino a una svolta?

Il mese prossimo un tribunale internazionale potrebbe fermare il processo dell'India contro i due fucilieri di marina italiani accusati di omicidio

Latorre Girone
Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, dicembre 2012 (Roberto Monaldo / LaPresse)

Il prossimo 10 agosto si arriverà con molta probabilità a un momento decisivo nella vicenda dei due fucilieri di marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, arrestati nel febbraio del 2012 con l’accusa di aver ucciso due pescatori indiani a largo delle coste di Kerala, in India, sull’Oceano Indiano. Quel giorno si svolgerà infatti un’udienza al Tribunale del Mare di Amburgo (Itlos, un organo indipendente delle Nazioni Unite) al quale l’Italia si è rivolta per chiedere che l’India blocchi ogni procedimento nei confronti di Girone e Latorre, permettendo al primo di tornare in Italia e al secondo di restarci (è in convalescenza per motivi di salute). E questo fino a quando non si pronuncerà la Corte arbitrale dell’Aia per stabilire – sulla base della Convenzione sul Diritto del Mare dell’Onu (Unclos) – a chi spetti la giurisdizione del caso: se il processo si dovrà cioè svolgere in India, in Italia o altrove. Sia la decisione della procedura arbitrale – che avrà tempi piuttosto lunghi – sia le misure provvisorie decise dall’Itlos saranno vincolanti per entrambe le parti.

La vicenda che riguarda Girone e Latorre è piuttosto complicata, si trascina da più di tre anni senza grandi svolte ed è al centro di una crisi diplomatica tra Italia e India. Quello che si sa è che nel pomeriggio del 15 febbraio 2012 la nave petroliera Enrica Lexie, battente bandiera italiana con a bordo Girone e Latorre, si trovava al largo delle coste del distretto di Kerala, nel sud ovest dell’India. Lì la nave aveva incrociato la rotta del peschereccio indiano St. Antony e a un certo punto vennero sparati dei colpi che uccisero due marinai indiani a bordo di un peschereccio, Jelestine di 45 anni e Ajesh Binki di 25. Questi sono gli unici fatti su cui le due parti sono d’accordo: per il resto della storia ognuno ha la propria versione.

Secondo gli italiani, i colpi vennero sparati in seguito a una manovra sospetta da parte del peschereccio indiano, scambiato per un’imbarcazione pirata. Le autorità italiane affermano che l’episodio è avvenuto a 33 miglia di distanza dalle coste indiane, quindi in acque internazionali. Secondo gli indiani, la manovra della St. Antony nei confronti della Enrica Lexie sarebbe stata pacifica e volta a dare la precedenza alla petroliera italiana. La reazione dei militari italiani sarebbe stata esagerata e non aderente alle normali procedure, soprattutto perché i marinai della St. Antony non erano armati. Gli indiani contestano soprattutto la posizione geografica in cui si sarebbe verificato l’incidente, e parlano di una distanza dalla costa tra le 15 e le 20 miglia. La questione della distanza dalla costa è fondamentale perché da questa dipende anche la giurisdizione competente.

I due militari italiani della “Enrica Lexie” – che dopo la sparatoria aveva attraccato al porto di Kochi – erano stati quindi posti in stato di fermo dalla polizia e interrogati dalle autorità indiane dello stato del Kerala. La custodia cautelare era stata prolungata e poi il 5 marzo un tribunale indiano aveva deciso di arrestarli. A maggio i due fucilieri erano stati liberati su cauzione, avevano lasciato il carcere ma senza la possibilità di lasciare Kochi.

Nel frattempo la Corte Suprema del Kerala aveva respinto il ricorso sulla giurisdizione presentato dal governo italiano in cui si chiedeva l’annullamento del cosiddetto FIR (First Information Report), ossia il rapporto della polizia indiana su cui si era basata l’apertura delle indagini a carico di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. Tra la fine di febbraio e l’inizio di marzo 2013 i due militari avevano ricevuto il permesso di rientrare in Italia per le elezioni e l’allora ministero degli Esteri italiano, Giulio Terzi, aveva annunciato che Latorre e Girone ci sarebbero rimasti: a seguito delle sue dichiarazioni i rapporti diplomatici tra i due paesi si erano molto complicati e la Corte Suprema dell’India aveva vietato all’ambasciatore italiano, Davide Mancini, di lasciare il paese. Il 21 marzo era stata diffusa una nota da Palazzo Chigi in cui si diceva che il governo, «anche nell’interesse dei Fucilieri di Marina», aveva ritenuto opportuno «mantenere l’impegno preso in occasione del permesso per partecipare al voto, del ritorno in India entro il 22 marzo». I due fucilieri erano quindi rientrati in India.

A quel punto Terzi si era dimesso, l’India aveva affidato all’agenzia investigativa nazionale (NIA, National Indian Agency) il caso sui due marinai italiani e le indagini erano ricominciate da capo (siamo all’aprile 2013). Da lì in poi, tra molti rinvii di udienze e ritardi, è passato circa un altro anno: nel febbraio del 2014 l’agenzia investigativa del governo federale indiano aveva ritirato la richiesta di processare per terrorismo Girone e Latorre, facendo cadere una volta per tutte il rischio che venissero condannati a morte. La NIA si occupa prevalentemente di casi legati al terrorismo, ma una volta caduta l’accusa di terrorismo la difesa dei due marinai aveva contestato la giurisdizione sul loro caso e il processo era stato sospeso. Un’altra richiesta inserita nel ricorso dagli avvocati difensori dei marinai era legata alla giurisdizione più in generale del caso. Su entrambi i ricorsi non è stata presa ancora alcuna decisione.

Nel frattempo, nel settembre del 2014, Latorre ha ottenuto un permesso di 4 mesi per rientrare in Italia per motivi di salute poi prorogato di diversi mesi (l’ultima proroga è di luglio 2015 e consiste in altri sei mesi). L’altro fuciliere di marina, Salvatore Girone, si trova invece ancora in India. A fine giugno l’Italia ha richiesto l’attivazione di un arbitrato internazionale, ma poiché l’arbitrato avrà molto probabilmente tempi lunghi il governo italiano è anche ricorso al Tribunale di Amburgo (Itlos) per chiedere che l’India fermi intanto ogni procedimento in corso (sostanzialmente le udienze del processo). Questa ora è la decisione più attesa: dovrà stabilire se Girone e Latorre saranno liberi, entrambi, di attendere l’arbitrato fuori dall’India.

Mostra commenti ( )