iene-stamina-

A favore di Stamina

Dopo le accuse dell'inchiesta, a molti che hanno sostenuto la cura vengono chieste spiegazioni: ecco chi sono, dalla tv alla politica, e cosa hanno detto

iene-stamina-

Mercoledì 23 aprile si è chiusa l’inchiesta della procura di Torino su Stamina, il controverso sistema che secondo i suoi ideatori è a base di cellule staminali e che sarebbe in grado di curare numerose malattie invalidanti. Gli indagati sono una ventina e comprendono il vicepresidente di Stamina Foundation, Davide Vannoni, e Marino Andolina, uno dei suoi più stretti collaboratori. Le accuse della procura nei confronti degli indagati sono truffa e associazione a delinquere. Il processo determinerà le eventuali ed effettive responsabilità degli indagati, ma sul piano prettamente scientifico e accademico, ricercatori ed esperti di staminali concordano da tempo sul fatto che il trattamento semplicemente non funzioni.

Per circa un anno, il caso Stamina è stato al centro di un ampio dibattito, soprattutto mediatico, nel quale si sono perse di vista le prove scientifiche, privilegiando il lato emozionale e mediaticamente più spendibile delle storie difficili e di sofferenza delle famiglie che hanno sperato di trovare in Stamina una soluzione ai problemi di salute dei loro cari. Oltre ai mezzi di comunicazione – pochi senza peccato – hanno avuto una loro responsabilità la politica, che si è dimostrata incapace per mesi di gestire la situazione, e la magistratura, con giudici che a seconda dei casi hanno emesso ordinanze molto discutibili per permettere ad alcune famiglie di proseguire il trattamento. In mezzo ci sono state le dichiarazioni di personaggi dello spettacolo e dello sport, che paradossalmente hanno ottenuto più spazio degli scienziati e divulgatori che fino da subito hanno provato a spiegare le fallacie del trattamento Stamina.
Molti commentatori e cittadini rimproverano oggi a questi interventi delle responsabilità nella promozione di una cura scientificamente screditata: ma gli appoggi al sistema sono stati diversi e con diverse articolazioni, a volte insistenti e a volte forse sbrigativi. Ora quasi tutti hanno smesso di esprimersi sulla questione: che in seguito ai successivi sviluppi abbiano cambiato opinione discretamente o la mantengano, non si sa di quasi nessuno di loro.

Adriano Celentano – Nel marzo del 2013 scrisse una lettera aperta al Corriere della Sera contro l’allora ministro della Salute, Renato Balduzzi, e alcuni tribunali definendo “un atto scellerato” la decisione di bloccare il trattamento con Stamina nei confronti di Sofia, una bambina di tre anni affetta da una grave malattia degenerativa e che sarebbe poi diventata il simbolo della campagna a favore di Stamina portata avanti dalla trasmissione Le Iene di Italia Uno. Celentano definì Stamina “l’UNICA cura in grado di migliorare le condizioni della piccola Sofia”. Scrisse che i bambini grazie alle staminali di Vannoni stavano meglio e concluse l’articolo chiedendo se “le Iene, quelle ‘VERE’, non siano alla Sanità”.

Gina Lollobrigida – Nell’aprile del 2013 l’attrice annunciò di volere mettere all’asta alcuni suoi “gioielli di Bulgari per sostenere la ricerca sulle staminali” legata al trattamento Stamina. Lollobrigida partecipò anche a una serie di manifestazioni di alcune famiglie che volevano proseguire il trattamento di Vannoni.

Rosario Fiorello – In una delle puntate di “Edicola Fiore”, la rassegna stampa che Fiorello pubblica online in formato video, fu ospitato Davide Vannoni dandogli ampio spazio per illustrare il suo trattamento. Tra le altre cose, Fiorello disse “Ci sono risultati tangibili, perché c’è questa ritrosia? Si vedono, non c’è bisogno di un medico”. Il video fu successivamente rimosso come i post che vi facevano riferimento sul sito di Fiorello, probabilmente per più prudenti valutazioni successive.

Claudio Amendola – Si fece fotografare con il cartello “Io dico sì al diritto di cura” degli “Artisti per Stamina”, organizzazione che ha raccolto l’adesione di diversi personaggi dello spettacolo e che ha da qualche tempo il suo sito in manutenzione (l’elenco degli “artisti” non è più visibile).

Nicolas Vaporidis – Pubblicò su Facebook una sua foto con il cartello “Io dico sì al diritto di cura” degli “Artisti per Stamina”. L’immagine era accompagnata dalla scritta: “Sì alla cura, sì alla ricerca, sì al metodo stamina. Sì mille volte ancora!”.

Movimento 5 Stelle – Nel maggio del 2013, il capogruppo Andrea Cecconi del M5S alla Commissione Affari Sociali della Camera su Stamina disse che “il Movimento ritiene che il metodo sia efficace”, chiedendo al Parlamento di autorizzare la sperimentazione stessa condotta da Vannoni.

Beppe Grillo – Sul blog del leader del M5S, tra le altre cose, si diede conto delle proteste dei fratelli Biviano, affetti da distrofia muscolare, davanti a Montecitorio, segnalando anche il sito di uno dei movimenti a sostegno di Stamina.

Red Ronnie – Su Twitter e non solo, disse di essere a favore del trattamento Stamina in più occasioni. In un tweet commentando la notizia dei 30 milioni di euro raccolti da Telethon per le malattie genetiche scrisse “dateli a stamina, non ai baroni della medicina”. In un altro tweet giustificò l’atto di alcuni manifestanti pro-stamina che si dissanguarono pubblicamente aggiungendo “W Stamina”.

Fiorella Mannoia – A novembre 2013 pubblicò sulla sua pagina Facebook uno dei servizi realizzati dalle Iene su Stamina, scrivendo di essere “dalla loro parte”.

Calciatori – A Salerno fu organizzata un’asta per raccoglie fondi a favore di Stamina, vendendo magliette firmate da diversi calciatori della Serie A, B e Lega Pro.

Cosenza Calcio – A maggio 2013 la squadra di calcio aderì alla campagna di informazione del Movimento Pro Stamina Onlus, scendendo in campo “con in mano un palloncino rosa ed uno azzurro che rappresentano simbolicamente la battaglia civile e sociale di cui il Movimento si sta facendo portatore per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema”.

Lega Nord – Il deputato Marco Rondini nell’ottobre del 2013 definì “vergognosa la decisione di interrompere la sperimentazione del metodo stamina, una speranza per moltissime famiglie. È l’ennesima vergogna di questo governo: buono con i cattivi e cattivo con i buoni”.

Amministrazioni locali – Consiglieri di diverse Regioni, cui spetta la gestione della sanità, si espressero a favore della sperimentazione di Stamina e di iniziative per potere fare proseguire i trattamenti. Farne un elenco completo e dettagliato è praticamente impossibile: in molti casi si è trattato di singole dichiarazioni cui non è stato dato seguito nella pratica.

Tribunali – Nonostante i divieti da parte dell’Agenzia italiana del farmaco e le critiche di buona parte della comunità scientifica già a partire dal 2012, ci sono state decine di casi in cui i tribunali hanno autorizzato i pazienti a proseguire le infusioni di Stamina. In alcuni casi, come a Venezia, fu emessa una sentenza in cui si ordinava il proseguimento del trattamento “pur in assenza di evidenza scientifica”. Le ordinanze contribuirono a creare ulteriore confusione e a fare coltivare nuove speranza nelle famiglie che volevano accedere al trattamento.

Renato Balduzzi – Ministro della Salute nei primi mesi della vicenda Stamina, autorizzò la sperimentazione del trattamento attraverso un decreto urgente. Di recente ha giustificato quella scelta spiegando che assunse la decisione in seguito alla “caotica situazione che si era venuta a creare, anche per le ben note campagne mediatiche che davano speranze alle famiglie”. Secondo molti osservatori, il decreto contribuì a fare diffondere l’utilizzo del trattamento e ha causato più danni che benefici, per i pazienti e per il sistema sanitario nazionale.

Parlamento italiano – Il 15 maggio 2013 fu approvato all’unanimità l’avvio della sperimentazione clinica del trattamento Stamina dalla Commissione affari sociali della Camera dei Deputati, la settimana seguente il Parlamento ratificò la sua sperimentabilità, stanziando per l’iniziativa 3 milioni di euro per il biennio 2013-2014. L’approvazione definitiva avvenne in Senato con il voto favorevole di tutti i senatori votanti tranne due contrari e sei astenuti. Votarono contro Anna Cinzia Bonfrisco e Franco Cardiello del PDL, si astennero Francesca Puglisi (PD), Antonio Azzolini (PDL), Riccardo Mazzoni (PDL), Francesco Palermo (Aut-PSI) e Lucio Barani (GAL).

Riviste – Numerose riviste hanno dedicato articoli con interviste ai familiari che hanno sottoposto i loro figli malati al trattamento Stamina, omettendo spesso di riportare i dubbi e le dure critiche sollevate dalla comunità scientifica e dalla stampa specializzata. Oggi, per esempio, nell’aprile del 2013 pubblicò sulla sua copertina la foto della bambina Celeste che “non riusciva a piangere né a respirare” con il titolo enorme tra virgolette “Ora lei sta meglio”, accompagnato da questo sommario: “La scienza e la legge pongono limiti: ma se fosse vostra figlia?”

Medici – Diversi medici hanno sostenuto, più o meno esplicitamente, la prosecuzione dei trattamenti con Stamina. Tra questi ci sono Marino Andolina, diventato strettissimo collaboratore di Vannoni, e il neurologo Marcello Villanova, che ha concesso numerose interviste e ha partecipato a molte trasmissioni televisive per spiegare i presunti benefici del trattamento. Tra gli indagati dalla procura di Torino ci sono molti altri medici e dirigenti di alcune strutture sanitarie, tra cui quelle degli Spedali Civili di Brescia dove è stata condotta una parte cospicua delle infusioni.

Camillo Ricordi – Direttore di un centro di ricerca presso la University of Miami, intervenne nella vicenda Stamina partecipando a un tavolo tecnico ministeriale e dicendo in seguito di avere visto dati “promettenti” sul trattamento. Per lungo tempo disse di non essere “né pro né contro Stamina”, ma di essere semplicemente dalla parte dei malati. Tra i sostenitori della necessità di fare la sperimentazione, si schierò contro la Commissione scientifica che bocciò il trattamento, accusandola di non avere giudicato obiettivamente. Nel libro “Le cellule della speranza”, si ipotizza che l’atteggiamento di Ricordi fosse dovuto alla necessità di “portare avanti la battaglia che sta conducendo anche negli Stati Uniti, finalizzata a ottenere che i trattamenti a base di cellule, quindi anche quelli a base di cellule staminali mesenchimali (MSC), possano essere commercializzati senza attendere che la sperimentazione clinica ne accerti l’efficacia (fase II) e facendo bastare un controllo sull’assenza di effetti dannosi (fase I)”.

Talk show – Trasmissioni come “La vita in diretta” (RaiUno), “I fatti vostri” (RaiDue) e “Pomeriggio Cinque” (Canale 5) si sono occupate più volte della vicenda Stamina, invitando spesso i familiari delle persone sottoposte al trattamento o altri sostenitori del suo utilizzo. In molti casi le interviste sull’efficacia del sistema sono state condotte senza contraddittorio, facendo molta leva sulle emozioni e sulle storie spesso dolorose delle persone coinvolte, dando l’impressione che il divieto di proseguire il trattamento fosse un’ingiustizia per i pazienti.

Le Iene – La trasmissione di Italia 1 ha dedicato numerosi servizi alla vicenda di Stamina, indugiando sulle storie dolorose dei pazienti, soprattutto di quelli più piccoli, e dando moltissimo spazio a Davide Vannoni e agli altri sostenitori del trattamento. I servizi sono stati quasi tutti firmati da Giulio Golia e da Marco Occhipinti, che sui social network hanno più volte dimostrato di essere a favore del trattamento di Vannoni. Sul sito delle Iene per lungo tempo è stato segnalato con un banner il sito della Stamina Foundation.

Mostra commenti ( )