genovese

Perché vogliono arrestare Genovese

Il deputato PD più votato alle primarie dei parlamentari è accusato di associazione a delinquere, riciclaggio, peculato e truffa

La procura di Messina ha chiesto l’arresto di Francantonio Genovese, deputato del Partito Democratico ed ex sindaco di Messina, accusato di una serie di reati che vanno dall’associazione per delinquere al peculato, dalla truffa al riciclaggio al falso in bilancio. Il giudice per le indagini preliminari di Messina ha accolto la richiesta della procura e – tramite la Guardia di finanza e gli agenti della squadra mobile della Questura di Messina – l’atto di autorizzazione è stato notificato questa mattina, mercoledì 19 marzo, alla Camera dei deputati. Sarà ora la presidenza della Camera a dover avviare l’iter per la richiesta di autorizzazione.

Il Partito Democratico, attraverso il segretario regionale Fausto Raciti, ha comunicato la decisione di sospendere Genovese. Lo stesso Genovese ha spiegato, «per comprensibili ragioni di opportunità», che ha deciso di autosospendersi «dal Partito Democratico e dal gruppo parlamentare», aggiungendo:

«Al momento, ho avuto contezza solo dei capi di imputazione e non delle ragioni a sostegno delle accuse mossemi. Sin da ora, tuttavia, anche alla luce di quanto emerso, in questi ultimi mesi, nel corso di un parallelo procedimento penale ed avuto riguardo alla documentazione già depositata agli inquirenti dai miei difensori, sono certo di poter fornire ogni chiarimento utile ad escludere la sussistenza degli addebiti che mi vengono contestati. Ciò farò, con serenità, in ogni sede, non esclusa quella parlamentare».

Il gip di Messina ha disposto gli arresti domiciliati per altre quattro persone coinvolte nella stessa inchiesta di Genovese, considerate a lui vicine e con incarichi negli enti e nelle società da lui controllate: Salvatore La Macchia, Stefano Galletti, Roberto Giunta e Domenico Fazio.

Le accuse
L’inchiesta della procura di Messina, coordinata dal procuratore aggiunto Sebastiano Ardita, si suddivide in due filoni: lo scorso luglio la procura di Messina aveva già arrestato diverse persone vicine a Genovese, tra cui la moglie Chiara Schirò che resta indagata anche in questa seconda fase. Genovese è accusato di associazione per delinquere, riciclaggio, peculato e truffa.

Attraverso un complicato sistema di enti e società sospettate di essere riconducibili a lui e appositamente create, Genovese si sarebbe appropriato dei fondi assegnati per lo svolgimento di corsi di formazione grazie a prezzi gonfiati per l’acquisto di beni e servizi, a prestazioni totalmente inventate e a false fatture. Scrive il Corriere della Sera:

La Procura di Messina ritiene che il deputato, per evadere il fisco, si sia avvalso della società Caleservice, trasferendo alla stessa la gran parte del proprio reddito personale e successivamente caricando sui suoi bilanci, come costi societari, tutte le spese personali e della famiglia rendendo così i corrispettivi esenti da tassazione, ed anzi utilizzandoli come costi per aggravare il passivo dell’azienda.

A Genovese è anche contestata la gestione di un immobile di 300 metri quadrati, della Caleservice, nel quale, secondo l’accusa, coesistevano in affitto a prezzi gonfiati ed a spese della Regione otto diversi enti di formazione che polizia e guardia di finanza ritiene siano riconducibili al deputato e gestiti da prestanomi. Quest’ultimi, è la tesi dei pm, avrebbero poi preso in affitto tutti contestualmente l’immobile con canoni che lievitavano fino a 10 volte il valore reale.

Dalla documentazione acquisita sono emerse anche fatture gonfiate del 600% per affitti o prestazioni di servizi: sarebbe stato un metodo per accaparrarsi decine di milioni di euro di fondi destinati dalla Regione agli enti della formazione professionale.

Chi è
Francantonio Genovese è stato il parlamentare più votato d’Italia alle primarie parlamentari del PD nel 2012, con quasi 20 mila preferenze. Sostenitore di Matteo Renzi all’ultimo congresso del PD, e di Dario Franceschini al precedente, messinese, Genovese ha 43 anni, è avvocato civilista, ha iniziato a fare politica nella Democrazia Cristiana, è figlio del senatore Luigi Genovese e nipote del ministro Nino Gullotti. Nel 1998 è stato nominato assessore all’Agricoltura nella giunta provinciale di Messina, nel 2001 è diventato deputato all’Assemblea Regionale Siciliana e nel 2005 è stato eletto sindaco di Messina. Nel 2007 è stato anche eletto segretario regionale del Partito Democratico in Sicilia. Alle elezioni politiche del 2008 è stato eletto alla Camera dei deputati, diventando componente e segretario della commissione antimafia. Riconfermato alla Camera nel 2013, è attualmente componente della commissione Bilancio.

  • PLip

    sì certo…sai benissimo a quali “favori” mi riferivo… ;-)

    • Playrom

      sisi certo , però ecco è per chiarire che non bisognerebbe fare di tutta un erba un fascio perchè senno anche un semplice interesse da parte di un consigliere comunale per un problema di un suo elettore , tipo 10 anni per una concessione, sarebbe “illecito” , cosa che secondo me non è..

  • BabylonSystem

    Ma come, proprio ora che si parla di reintrodurre le preferenze…

    • Giangio

      veramente a me risulta che non se ne parla manco per niente, almeno non dove conta: non verranno reintrodotte e basta.

  • Giangio

    tu indicami un modo di scelta dei canditati usato nel mondo e in cinque minuti sono in grado di postarti il nome di un delinquente eletto con quel metodo (anche di gente in gamba, intendiamoci).

  • David

    Comunque ha 45 anni non 43. Portati malissimo.

  • paolo pintadu

    più che genovese mi sembra di caracas