• Italia
  • venerdì 7 febbraio 2014

L’azione disciplinare sul caso Giuseppe Uva

Il magistrato che ha condotto le indagini è accusato di abusi e negligenze dalla Procura Generale della Cassazione in un documento riservato molto severo

Giuseppe Uva morì a 43 anni intorno alle dieci del mattino del 14 giugno 2008, al reparto di psichiatria dell’ospedale di Varese. La notte precedente era stato fermato, ubriaco, mentre era insieme all’amico Alberto Biggiogero. Poi era stato portato alla caserma dei Carabinieri di via Saffi, a Varese, dove era rimasto circa tre ore prima di essere trasferito all’ospedale psichiatrico. Quella notte, in caserma, erano arrivate anche alcune volanti della polizia, e quello che successe prima del ricovero ospedaliero non è mai stato chiarito: secondo Biggiogero, che era in una stanza vicina della caserma, e secondo i familiari di Uva e molte ricostruzioni della stampa, Giuseppe Uva venne picchiato a morte dagli agenti.

La sua morte, insieme a quelle di Stefano Cucchi e di Federico Aldrovandi, è stata motivo di pesanti accuse contro le forze dell’ordine, e di vicende giudiziarie aggrovigliate e dolorose. Nel caso di Uva, il magistrato di Varese incaricato delle indagini Agostino Abate si è sempre concentrato su quanto successo dall’arrivo dell’ospedale in poi, negando che ci siano state gravi responsabilità di polizia e carabinieri. In conseguenza di questa valutazione, sono stati avviati due processi contro il personale dell’ospedale, che avrebbe sbagliato a somministrare farmaci senza tenere conto dell’alcol assunto da Uva.

Un primo processo si è concluso a metà del 2012 con l’assoluzione di un medico e la richiesta ad Abate di fare nuove indagini per cercare di capire che cosa fosse successo a Uva prima del ricovero. Ma il magistrato si è sostanzialmente rifiutato, accusando invece il giudice responsabile dell’assoluzione di pregiudizi e abusi. Dopo una prima indagine disciplinare promossa dal Ministero della Giustizia contro Abate, lo scorso 28 novembre la Procura Generale della Cassazione ha comunicato al ministro della Giustizia e al Consiglio Superiore della Magistratura una diversa richiesta di un’azione disciplinare contro Abate, 56 anni, sostituto procuratore presso il Tribunale di Varese.

Nel documento, protocollato come “Riservato” ma che il Post ha potuto leggere e trovate qui sotto, il procuratore generale della Corte di Cassazione Gianfranco Ciani scrive che, nelle indagini, Abate «è venuto meno agli obblighi generali di imparzialità, di correttezza e di diligenza». Abate, continua il documento, ha avviato tre procedimenti penali: due contro i dipendenti dell’ospedale di Varese, accusati di aver causato la morte di Uva con cure non adeguate, e uno contro la sorella di Uva, Lucia, e alcuni giornalisti che avevano definito la morte un “pestaggio” da parte di polizia e carabinieri. Riassume quindi i punti principali della storia dal punto di vista giudiziario.

In uno dei processi contro il personale dell’ospedale, la sentenza di primo grado – arrivata a metà 2012 – aveva totalmente scagionato l’imputato e aveva gettato pesanti dubbi su come erano state condotte le indagini. Molte cose, a distanza di quattro anni, continuavano a restare non chiarite.

Tra queste perché Giuseppe Uva fosse stato portato in caserma, dato che secondo i verbali era stato fermato solo per schiamazzi notturni (per cui è prevista al massimo una multa); perché non era stato fatto un verbale di arresto; perché era stato trattenuto per ore alla stazione dei Carabinieri di Varese, nonostante non ci fossero problemi di identificazione; che cosa successe nel lungo arco di tempo – circa tre ore – prima del suo ricovero in ospedale; che cosa, infine, provocò il suo ricovero in un ospedale psichiatrico, dato che mai prima di allora Uva aveva avuto problemi di quel tipo.

Il tribunale aveva quindi domandato ad Abate di chiarire tutto quanto restava ancora da chiarire, ma il pm Abate scrisse di non comprendere la richiesta e chiese – scrive la Procura Generale – “con toni polemici”, a metà del 2013, di archiviare tutti i procedimenti a carico di Carabinieri e Polizia e invece di rinviare a giudizio la sorella di Giuseppe Uva. La richiesta venne respinta: il giudice per le indagini preliminari di Varese disse che il tribunale aveva chiesto ad Abate di indagare di nuovo, ma che questo non era successo, e Abate si era limitato a riprendere quanto già stabilito prima della sentenza di primo grado nel processo al dipendente sanitario.

Il documento della Procura Generale della Cassazione descrive quindi così l’operato del sostituto procuratore: «il dottor Abate ha pregiudizialmente eluso una puntuale disposizione del Tribunale ed ha violato le norme del procedimento che impongono al pubblico ministero di svolgere le indagini necessarie per l’accertamento dei fatti […], in particolare in caso di morte di una persona». Elenca poi diversi casi in cui Abate avrebbe violato gravemente il «dovere generale di correttezza»: ad esempio negando in tribunale che Uva fosse stato ammanettato e accusando un testimone di sbagliarsi a questo proposito, quando invece la circostanza era descritta nei verbali delle stesse forze dell’ordine, oppure affermando “contrariamente al vero, di avere già svolto le indagini preliminari anche nei confronti di tutti gli appartenenti alle forze dell’ordine”, oppure tenendo “una condotta ingiustificatamente aggressiva e intimidatoria” nei confronti dei periti nominati dal tribunale per svolgere una relazione sulle cause della morte di Uva.

Mostra commenti ( )