• Cultura
  • mercoledì 13 novembre 2013

Il quadro più costoso venduto all’asta

È il trittico dipinto nel 1969 da Francis Bacon che ritrae l'amico pittore Lucian Freud, acquistato per l'equivalente di 106 milioni di euro

Il trittico “Three Studies of Lucian Freud”, dipinto dal pittore irlandese Francis Bacon, è stato venduto martedì notte all’asta di Christie’s a New York per 142 milioni di dollari (106 milioni di euro): si tratta dell’opera d’arte più costosa mai venduta all’asta. Il record precedente era detenuto da una versione dell'”Urlo” del norvegese Edvard Munch, venduto da Sotheby’s nel maggio 2012 per 120 milioni di dollari, circa 89 milioni di euro. Il prezzo iniziale del trittico era 60 milioni di euro ed è stato rilanciato da sette aspiranti acquirenti per una decina di minuti prima che l’opera venisse aggiudicata. La casa d’aste non ha reso nota l’identità del nuovo proprietario.

Francis Bacon

L’immagine si ingrandisce con un clic

Il trittico fu dipinto dall’artista irlandese nel 1969 al London’s Royal College of Art, dopo che il suo studio era stato distrutto in un incendio, e ritrae il pittore Lucian Freud. I due si erano conosciuti nel 1945, divennero amici e si dipinsero l’un l’altro più volte, fino a quando il loro rapporto si raffreddò negli anni Settanta. Considerato il capolavoro di Bacon, il trittico venne esposto per la prima volta nella retrospettiva al Grand Palais di Parigi nel 1971-1972. Nella metà degli anni Settanta i pannelli furono divisi: li riassemblò una decina di anni dopo un collezionista d’arte romano e furono esposti di nuovo tutti insieme a New Haven nel 1999. Bacon ha ritratto Freud, morto nel 2011, in un altro trittico nel 1966, che però è andato perduto.

Francis Bacon nacque nel 1909 a Dublino da genitori inglesi e alla fine degli anni Venti si trasferì a Londra, dove iniziò a dipingere e a lavorare come arredatore d’interni. Divenne famoso dalla metà degli anni Quaranta per i suoi trittici, i ritratti deformati e distorti e i temi particolarmente tormentati. Descritto da Margaret Thatcher come «quello che fa quei dipinti tremendi», è considerato tra i più importanti artisti britannici del Ventesimo secolo. Tra le sue opere più famose ci sono lo Studio dal ritratto di Innocenzo X, i Tre studi di crocifissione e i “Black Triptychs”, che raffigurano il suicidio del suo amante e principale modello George Dyer, avvenuto nel 1972. Bacon morì a Madrid nell’aprile del 1992.

Foto: Christie’s Images Ltd via Getty Images

Mostra commenti ( )