Nell’Esercito di Silvio

Doveva esserci la rivoluzione. Avevo letto in giro che a un certo punto se fosse successa “quella” cosa, ci sarebbe stata la rivoluzione. Prima, come gran segnale, corno di Boromir da suonar nel vento, ci sarebbero state le dimissioni in massa e poi, a seguire, tutte le persone di buona volontà che non tollerano questa ingiustizia, si sarebbero messe in moto e avrebbero fatto la rivoluzione.

Quando ero piccolo crescevo con i racconti di mio padre e del cugino di mia madre, Bruno, che era saltato giù da un treno, in tempo di guerra. Per farlo si era fasciato la testa con tutti gli stracci che aveva recuperato e poi via, sotto gli occhi degli altri passeggeri che lo pensavano incosciente, era saltato giù dal treno.
Lo aveva fatto da qualche parte, in Polonia.

In Polonia, poi, si era presentato ad una isba sconosciuta, immagino con un passo simile a quello che ha il gatto randagio che mi viene sotto casa, ora che abito in un bosco, con quello sguardo di chi si domanda: mi daranno da mangiare o mi prenderanno a legnate?
A Bruno, quei contadini polacchi, con i quali solo a gesti si poteva parlare, non avevan dato legnate. Gli avevan dato da mangiare e da dormire. E poi, dopo qualche tempo, a piedi, era tornato fino a casa. Casa, era Pisa.

Non ho fatto il conto dei chilometri ma ancora adesso, come quando ero piccolo, immagino una linea interminabile su una cartina gigantesca.
I suoi compagni di viaggio erano finiti ad Auschwitz.
“Nessuno era tornato”, mi si diceva in quel racconto, anche se, adesso che mi appassiono a termini quali “fact checking”, mi domando come facesse ad asserirlo con tanta certezza.
Li conosceva tutti, uno per uno?

Mi piace il fact checking. Mi piace tantissimo. Per me è come una diga olandese davanti a tonnellate cubiche di acqua rabbiosa che scende giù dalle montagne dell’ignoranza e della demagogia.
Mi piace, mi ricorda l’uso della ragione.
La ragione.

Hanno condannato Berlusconi e doveva esserci la rivoluzione. Queste erano le voci.
Abitando in toscana ed avendo amicizie particolari, non ho mai conosciuto un sostenitore di Berlusconi, lo ammetto, ed è una cosa della quale mi vergogno un po’.
Significa che non ho una vera apertura al mondo e che, come molti, mi sono fatto un orticello di opinioni condivise intorno.
Con le persone che frequento, di solito, andiamo d’accordo. Non ci sono razzisti, per esempio. E solo una volta una mia amica disse delle cose sugli ebrei per la quale venne sostanzialmente presa a metaforici calci nel culo fin quando non fece un passo di riflessione ulteriore e giunse alla conclusione che parlare di “comportamento degli ebrei” era una cazzata come parlare di DNA.

Il DNA, dio santo, negli ultimi anni è diventato una specie di armadio quattro stagioni, dove ci sta di tutto. Hanno iniziato i negri, con il ritmo. Prima lo hanno portato nel sangue ma poi, quando la scienza ha fatto i suoi passi nominando cose che nome non avevano prima, hanno preso a custodirlo nel DNA, il senso del ritmo. Sono stati i primi. È come quando corrono i cento metri, i negri. Arrivano primi. Ce l’hanno nel DNA. (sempre che non ci siano zingari in giro nel qual caso qualcuno di questi di sicuro si sarebbe fottuto la pistola e niente BANG di avvio. Pistola rubata, Perché gli zingari il furto ce l’hanno nel DNA)

Non so cosa hanno gli italiani nel DNA, credo che in passato abbiano avuto una predisposizione naturale per la musica melodica e delle dita adatte al mandolino, polsi adatti a roteare pizze e piedi giusti giusti per un pallone di cuoio. Ma probabilmente, come tutto, adesso anche il DNA degli italiani è cambiato. Chissà cosa c’è adesso, nell’armadio DNA degli italiani.

Insomma, ero a casa a lavorare, a disegnare, e sento che arriva questa rivoluzione. Non voglio perdermela. Voglio essere in prima fila virtuale e quindi faccio la prima cosa che ho a portata di mano: mi iscrivo su Facebook all’ Esercito di Silvio [sic].
Nel gruppo dell’Esercito di Silvio c’era un gran fermento. Eravamo undicimilaquattrocentocinquanta membri. Tutti sgomenti. C’erano pure due amici miei, sotto copertura. Sono ancora là.

Uno dei promotori del gruppo stava promuovendo una mobilitazione generale :

“L’ESERCITO DI SILVIO STA ORGANIZZANDO LA MANIFESTAZIONE”TUTTI CON SILVIO”DOMENICA 4 AGOSTO ALLE ORE 18.00 IN PIAZZA SANTI APOSTOLI,STIAMO ORGANIZZANDO DEI PULLMAN.PER CHI VOLESSE PARTECIPARE BASTA ANDARE NELLA PAGINA L’ESERCITO DI SILVIO.ACCORRETE IN MASSA PER IL NOSTRO SILVIO.GRAZIE.”

Ero finito nel mondo delle maiuscole, ma in quel momento non mi importava. Era la prima volta in cui potevo discutere con dei veri, convinti e agguerriti, sostenitori di Silvio.
Questa cosa del chiamarlo per nome poi, mi faceva sentire a casa. Silvio, perseguitato, come Bruno. La storia di Bruno, il cugino di mia madre, la storia di Silvio. Persone come me e come voi, travolte dall’ingiustizia degli uomini, in epoche diverse.

1 2 3 Pagina successiva »