Il principe ereditario dell’Arabia Saudita vuole tornare a un Islam moderato

«Torneremo a essere ciò che eravamo prima», ha detto Mohammed bin Salman, che sta portando avanti grandi riforme sociali ed economiche

Mohammed bin Salman, Riyadh, 24 ottobre, 2017. (FAYEZ NURELDINE/AFP/Getty Images)

Ieri è iniziato a Riyad il Future investment initiative, un incontro organizzato dal Fondo di investimento pubblico saudita sponsorizzato da re Salman. Nel primo giorno di lavori è intervenuto Mohammed bin Salman (MbS, come viene chiamato), principe ereditario e da tempo uno dei politici più potenti del regno saudita. MbS ha annunciato un investimento da 500 miliardi di dollari per la costruzione di una nuova città (“Neom”) al confine tra Arabia Saudita, Egitto e Giordania, un progetto incredibilmente ambizioso. Nel raccontare come sarà fatta Neom, MbS ha parlato della necessità dell’Arabia Saudita di tornare a un Islam moderato e aperto:

«Torneremo a essere ciò che eravamo prima, a un Islam tollerante e moderato, che sia aperto al mondo e a tutte le religioni e alle tradizioni dei suoi popoli. (…) Non sprecheremo i prossimi 30 anni della nostra vita avendo a che fare con idee estremiste. Le aboliremo oggi, immediatamente. Vogliamo vivere una vita normale, una vita che rifletta la nostra religione tollerante e le nostre buone abitudini e tradizioni in modo da convivere con il mondo e contribuire allo sviluppo della nostra nazione e del mondo».

Le parole di MbS sono state considerate molto importanti, anche se non del tutto inaspettate. Negli ultimi mesi il regno saudita ha dimostrato di voler portare avanti delle riforme piuttosto significative, come per esempio l’introduzione di nuove forme di divertimento prima proibite, come i concerti, e l’abolizione del divieto per le donne di guidare. Il piano di riforme a cui fanno riferimento tutti questi cambiamenti fu presentato nell’aprile 2016 e si chiama “Vision 2030”: il suo obiettivo primario è quello di rendere l’Arabia Saudita indipendente dall’andamento dei mercati petroliferi entro il 2030.

Per arrivare a questi obiettivi sembrano però essere necessari dei cambiamenti radicali soprattutto nella storica alleanza tra la famiglia reale e i religiosi waahabiti, che sono da sempre alleati con la famiglia reale e che portano avanti una forma molto rigida di Islam sunnita. Finora la famiglia reale saudita è sempre dipesa dall’establishment waahabita per la sua legittimità politica; in cambio ai religiosi è stato dato il controllo di alcuni settori chiave del paese, come l’istruzione, il sistema giudiziario e anche la segregazione delle donne. MbS probabilmente cercherà di scardinare questa struttura di potere, provando a ridurre il ruolo dei religiosi nella società saudita.

Qualcosa forse si è già mosso e le ultime parole del principe sono considerate una svolta. Mohammed Alyahya, analista politico intervistato dal Wall Street Journal, ha detto che le dichiarazioni del principe sulla necessità di far tornare il paese a quello che era prima del 1979, cioè a prima della diffusione delle idee del cosiddetto «risveglio islamico», è senza precedenti.

Mostra commenti ( )