Locandine alternative di film, più belle delle originali

Raccolte in due libri, disegnate da fan e artisti, e spesso più significative e calzanti di quelle ufficiali

Il poster rielaborato de "Il padrino" (Marie Bergeron-Montreal/Canada)

Per capire se un film vale la pena di essere visto o no possono essere utili un po’ di questi consigli, tra cui guardare con attenzione le locandine per capire lo spirito del film e a chi è rivolto. Oppure si può provare a sfogliare i poster di film famosi rielaborati dai fan dotati. Matthew Chojnacki ha raccolto in due libri i migliori poster di artisti, che in alcuni casi sono diventati famosi e hanno iniziato a lavorare per gli studi di produzione. In Alternative Movie posters ci sono per esempio i lavori di Tracie Ching, che oltre a lavorare per produzioni ufficiali continua a disegnare poster alternativi (come i due ispirati ai film di Stanley Kubrick Il dottor Stranamore e Shining). «Non riesco a immaginare» spiega Chojnacki,«un altro movimento in cui la produzione alternativa abbia molto più valore di quella ufficiale. È come se qualcuno facesse un falso di Keith Haring e diventasse molto più famoso dell’originale».

Mostra commenti ( )