siria

Il regime di Assad sta affamando gli abitanti di una città siriana

A Madaya non arrivano più i rifornimenti di cibo, i residenti mangiano foglie ed erba e soffrono sempre più di malnutrizione

siria
Un bambino di Madaya aiutato dagli attivisti (Madaya)

Da diversi mesi le forze militari fedeli al presidente siriano Bashar al Assad stanno assediando Madaya, una città che si trova a pochi chilometri da Damasco, la capitale della Siria. Secondo le testimonianze di residenti e attivisti, gli abitanti di Madaya si trovano in condizioni molto gravi, soprattutto per la mancanza di cibo e medicine. Alcuni siti di news – tra cui il Guardian e BBC – hanno raccontato che il governo di Assad sta facendo morire di fame gli abitanti di Madaya, un posto dove un chilogrammo di riso è arrivato a costare fino a 230 euro. Giovedì pomeriggio l’ONU ha detto che il governo siriano ha accettato di far passare alcuni aiuti umanitari.

L’assedio a Madaya era iniziato lo scorso luglio con lo scopo di mettere pressione ai ribelli siriani, che si trovano nella vicina Zabadani. A settembre era stato trovato un accordo per terminare l’assedio: era stato firmato in Turchia tra una delegazione iraniana – l’Iran sta dalla parte di Assad e sostiene Hezbollah, un movimento libanese che combatte a fianco del regime siriano contro i ribelli – e Ahrar al Sham, un gruppo di ribelli presente nella zona. L’accordo prevedeva che il regime terminasse l’assedio a Madaya e Zabadani e in cambio al Nusra – il gruppo che rappresenta al Qaida in Siria – avrebbe terminato a sua volta l’assedio a due paesi a maggioranza sciita nella campagna di Idlib: la tregua è durata però solo una settimana e dopo il primo convoglio di aiuti umanitari arrivati alla popolazione di Madaya non ci sono stati più rifornimenti dall’esterno e la situazione è peggiorata rapidamente.

Il Guardian ha scritto che gli abitanti di Madaya stanno cercando di sopravvivere mangiando «foglie, erba e acqua aromatizzata da alcune spezie». La situazione è peggiorata con il freddo (Madaya si trova vicino al confine con il Libano, a 1.300 metri sul livello del mare): alcune persone che stavano cercando di recuperare della legna da ardere sono state uccise dai cecchini posizionati sopra una collina nel bosco a lato della città. Altri bambini hanno perso gli arti mentre cercavano di raccogliere erba da mangiare nei campi vicini, che però sono stati riempiti di mine antiuomo dall’esercito siriano e Hezbollah. Al-Monitor, sito specializzato di notizie sul Medio Oriente, ha scritto qualche giorno fa che i prezzi dei beni alimentari al mercato nero sono diventati incredibilmente alti e che centinaia di famiglie stanno vivendo con un pasto al giorno. Il 7 dicembre è stata lanciata una campagna su Facebook che si chiama #Respond e chiede che venga terminato l’assedio a Madaya: da diverso tempo circolano invece sui social network foto e video pubblicati dagli attivisti che mostrano le condizioni della città.

Non è la prima volta che il regime di Assad assedia una città bloccando i rifornimenti di cibo e medicinali. Già nel marzo del 2014 Amnesty International aveva scritto che il regime siriano aveva cominciato a usare questa pratica come un’arma di guerra: in particolare si era parlato molto dell’assedio di Yarmouk, un campo profughi a sud di Damasco dove erano rimasti intrappolati senza cibo migliaia di palestinesi: una foto dei profughi palestinesi in coda per il cibo era stata molto ripresa dai media internazionali.

Mostra commenti ( )