nursery

La discussione sull’“aborto post-natale”

Uno studio su una rivista scientifica britannica contesta le convenzioni sull'inizio della vita e ha provocato le proteste dei siti cattolici in tutto il mondo

È il "crepuscolo disumano della civiltà occidentale" ha commentato l'Avvenire

nursery

Da alcuni giorni si discute molto, soprattutto online ma anche su alcuni giornali (oggi è uscito un severissimo editoriale dell’Avvenire), di un articolo scientifico che sta indignando i siti cattolici in tutto il mondo: l’articolo è una riflessione accademica sul cosiddetto “aborto post-natale”, una definizione (e un ossimoro) usata per indicare la possibilità di equiparare un neonato a un feto, cui potrebbe quindi essere tolta la vita per le stesse ragioni per cui le nostre società contemplano la legittimità dell’aborto. Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Medical Ethics ed è stato realizzato da due ricercatori italiani: l’esperto di bioetica e filosofia Alberto Giubilini dell’Università di Milano e la ricercatrice Francesca Minerva del Centre for applied philosophy and public ethics della Università di Melbourne (Australia). Leggendo i commenti, ora interlocutorii ora scandalizzati, circolati fino a ora sull’argomento si ha l’impressione che in molti casi siano stati scritti sulla base dell’abstract (le poche righe introduttive di sintesi accessibili a tutti) dello studio, senza andare a vedere quali siano le argomentazioni per esteso di Giubilini e Minerva (impressione che vale anche per Avvenire, che cita solo la traduzione dell’abstract; altri siti rivendicano di non voler spendere i 32 euro necessari ad acquistare online l’articolo). Abbiamo quindi letto la versione integrale dell’articolo per capire in che termini viene posto il problema e se le indignazioni per l’ipotesi omicida sono fondate.

I due autori iniziano il loro articolo spiegando che di solito particolari anomalie nel feto e i rischi di salute fisica e/o psicologica per la futura madre sono tra le principali cause che portano alla scelta dell’aborto. A volte le due cose sono connesse, «quando per esempio una donna dice che un bambino disabile potrebbe rappresentare un rischio per la propria salute mentale». In alcuni casi le stesse condizioni che avrebbero portato a un aborto si presentano solo dopo la nascita, innescando il dilemma filosofico al centro della riflessione condotta dai due studiosi. Che cercano di valutare una serie di fatti per decidere se gli argomenti che si applicano per uccidere un feto umano possono essere applicati anche per un neonato, discutendo così l’eterno tema dell’inizio della vita.

I casi in cui si verificano condizioni subito dopo la nascita simili a quelle che avrebbero indotto all’aborto sono numerosi, spiegano Giubilini e Minerva. Ci può essere il caso di un neonato che al momento della nascita non riceve ossigeno subendo danni cerebrali irreparabili, oppure quello di altre gravi patologie che non sempre vengono diagnosticate prima della nascita. La sindrome di Treacher Collins, per esempio, si verifica ogni diecimila nascite circa e causa deformità notevoli al viso, che possono mettere in pericolo la vita del neonato se interessano naso e bocca. Chi soffre di questa patologia di solito non ha problemi mentali ed è quindi pienamente consapevole della propria condizione di diversità con tutti i problemi che ne possono derivare. I test genetici, per determinare se vi sia il rischio che il nascituro abbia o meno la sindrome, vengono di solito effettuati solamente se nella famiglia dei genitori si sono verificati casi simili. I test sono inoltre molto costosi e richiedono settimane per i risultati, e anche per questo motivo vengono eseguiti solo in particolari condizioni.

Giubillini e Minerva ricordano anche che ci sono altre malattie più comuni che non vengono sempre diagnosticate prima della nascita. Tra il 2005 e il 2009 in Europa solamente il 64 per cento dei casi di nascituri affetti da sindrome di Down è stato diagnosticato con i test prima della nascita. Questo significa che sono nati circa 1.700 bambini con la sindrome di Down senza che i genitori potessero saperlo prima della nascita. «Dopo la nascita di questi bambini, non c’è alcuna alternativa per i genitori, se non quella di tenere i bambini, che a volte è proprio ciò che probabilmente non avrebbero fatto se la malattia fosse stata diagnosticata prima della nascita».

Il tema dell’eutanasia per i neonati con particolari malformazioni e la prospettiva di una vita che non varrebbe la pena di essere vissuta con dolori insopportabili è stato affrontato, nel corso del tempo, da filosofi, scienziati e da alcuni legislatori. Nei Paesi Bassi, dove queste delicate questioni sono state affrontate con norme incisive, il Protocollo Groningen del 2002 consente di porre fine alla vita di un neonato con prognosi senza speranze, attraverso una decisione assunta dai medici e dai genitori. Ma stabilire criteri condivisi per cui una vita non vale la pena di essere vissuta è praticamente impossibile e, secondo gli autori dello studio, dovrebbe essere un processo che tiene in considerazione non solo le patologie del neonato, ma anche le conseguenze per la vita dei genitori e per la società intera a causa dei maggiori costi sociali.

«Quando si verificano determinate circostanze dopo la nascita che avrebbero giustificato l’aborto, quello che chiamiamo aborto post-natale dovrebbe essere permesso» scrivono Giubilini e Minerva. Spiegano anche che l’espressione è preferibile a quella di infanticidio, perché evidenzia il fatto che lo stato morale dell’individuo che viene ucciso è del tutto comparabile a quello del feto più che a quello di bambino. Di conseguenza, l’uccisione di un neonato potrebbe essere eticamente ammissibile in tutte quelle condizioni in cui lo sarebbe l’aborto.

Uguaglianza morale tra neonato e feto
Secondo Giubilini e Minerva, lo stato morale di un neonato è equiparabile a quello di un feto «nel senso che entrambi mancano di quelle proprietà che giustificano l’attribuzione di un diritto a vivere dell’individuo». Sono naturalmente entrambi esseri umani e delle persone in potenza, ma nessuno dei due è strettamente una “persona” nel senso di essere il “soggetto di un diritto morale a vivere”. Una persona è un individuo in grado di attribuire alla sua esistenza almeno un valore di base: la consapevolezza che essere privati dell’esistenza rappresenta una perdita per se stessi. Ne consegue che gli individui che non sono nelle condizioni di attribuire nessun valore alla loro stessa esistenza non sono persone. Non è quindi sufficiente essere un essere umano per ottenere l’inalienabile il diritto a vivere, secondo gli autori. Opinione accettata, dicono, nei paesi dove non sono considerati i soggetti di un diritto a vivere gli embrioni per le ricerche sulle cellule staminali o i criminali dove è prevista la pena di morte.

1 2 Pagina successiva »
Mostra commenti ( )