siria

In Siria la guerra è iniziata nel marzo 2011, quando migliaia di siriani cominciarono a protestare contro il regime autoritario di Bashar al Assad, chiedendo più diritti e più democrazia. Nel corso del tempo la guerra in Siria si è piano piano trasformata in qualcosa di diverso: dalla parte del regime sono intervenuti Russia, Iran e molte milizie sciite straniere, mentre tra i ribelli hanno cominciato a combattere anche diversi gruppi jihadisti.

Tutta la situazione in Siria è stata complicata dal ruolo sempre più importante assunto sia dall’ISIS che dai curdi, questi ultimi appoggiati dagli Stati Uniti.

Oggi, dopo la vittoria di Assad nell’importante battaglia di Aleppo, la sopravvivenza del regime siriano di Damasco non è più in discussione, ma la pace in Siria sembra essere una prospettiva ancora molto lontana.

In Siria va sempre peggio

In Siria va sempre peggio

Negli ultimi due giorni il regime ha bombardato il nordovest del paese, uccidendo decine di persone: intanto si parla di migliaia di diserzioni nell'esercito

Capire la Siria

Capire la Siria

Come è diventata il paese diviso che è oggi, e come è nato il sostegno al regime degli Assad: c'entrano la CIA e il padre del batterista dei Police

«L’Italia sostiene il popolo siriano»

Dopo che ieri in Siria sono morte oltre 40 persone negli scontri con l’esercito di Bashar al Assad, il ministro degli Esteri italiano, Giulio Terzi, ha espresso oggi attraverso il suo canale Twitter la vicinanza dell’Italia al popolo siriano: «L’Italia

L'assalto a Homs

L’assalto a Homs

L'esercito siriano ha circondato la città, il centro delle rivolte, e si teme che possa essere l'inizio di una guerra civile

L'intervista ad Assad

L’intervista ad Assad

Il presidente della Siria, alla tv americana ABC, ha negato di aver dato l'ordine di sparare sui civili e ha contestato i dati dell'ONU sulle persone uccise dalla repressione

Le sanzioni contro la Siria

Le sanzioni contro la Siria

La Lega Araba ha approvato oggi le sanzioni economiche e diplomatiche più volte minacciate nelle ultime settimane

Due politici libanesi si aggrediscono in tv sulla Siria

C’è grande tensione nei paesi arabi a proposito di quello che sta accadendo in Siria in questi mesi di proteste e repressioni. La discussione in tv tra due politici libanesi sull’atteggiamento da tenere nei confronti delle rivolte siriane a un

La Lega Araba si muove per la Siria

La Lega Araba si muove per la Siria

Oggi verrà presentato un piano che chiede di fermare le violenze e indire elezioni democratiche: intanto Assad ha fatto minare il confine col Libano

Come vanno le cose in Siria

Come vanno le cose in Siria

Molto male: negli ultimi due giorni sono morte quasi cento persone e si teme la guerra civile tra sostenitori e rivali di Assad

Come vanno le cose in Siria

Come vanno le cose in Siria

I manifestanti hanno festeggiato la morte di Gheddafi e sperano nella fine del regime di Assad, che continua a reprimere le proteste con la violenza

In Siria i ribelli sono armati?

In Siria i ribelli sono armati?

Un video pubblicato da un gruppo di attivisti antigovernativi siriani sembra mostrare che tra gli oppositori di Assad ci sono delle armi

Le controrivoluzioni arabe

Le controrivoluzioni arabe

Time spiega perché probabilmente i protagonisti del nuovo ordine non saranno quelli che hanno fatto la rivoluzione nelle piazze

Intanto, in Siria

Intanto, in Siria

Assad continua a promettere riforme ma dice che le richieste di dimissioni nei suoi confronti "non sono neppure degne di risposta"

«Assad si faccia da parte»

Stati Uniti, Gran Bretagna, Germania e Francia hanno chiesto le dimissioni del presidente siriano e approvato nuove sanzioni contro il regime

L'assalto a Latakia, Siria

L’assalto a Latakia, Siria

L'esercito attacca con i carri armati la città portuale per il terzo giorno consecutivo costringendo alla fuga, tra gli altri, migliaia di rifugiati palestinesi

A che punto è la Siria

A che punto è la Siria

I mercati e Londra ci hanno distratto da una crisi ancora aperta: la repressione dell'esercito continua ma il governo di Damasco inizia a dividersi