fotopost

I zii

I zii

Fotografie delicate di una famiglia siciliana di Gangi, a Palermo, tra acquazzoni, panorami, baci e tigri di peluche

Brasile meno Brasile

Brasile meno Brasile

Nel progetto fotografico di Tomer Ifrah appare grigio, nebbioso, solitario e malinconico, diverso insomma da come siamo abituati a vederlo

Luce in sala

Luce in sala

Hiroshi Sugimoto ha fotografato per quasi 40 anni teatri in tutto il mondo, utilizzando come unica illuminazione la proiezione di un film sullo schermo

Gli abitanti di Villa Bonita

Gli abitanti di Villa Bonita

Vivono in un affascinante palazzo di Los Angeles fatto costruire nel 1929 per ospitare attori e registi, tra gli altri Francis Ford Coppola e Errol Flynn

Realtà americane

Realtà americane

Joakim Eskildsen ha fotografato i poveri degli Stati Uniti: chi ha perso il lavoro dopo la crisi economica, chi la casa per l'uragano Katrina

Made in Korea

Made in Korea

Cos'è oggi la Corea del Sud: l'ossessione per la chirurgia estetica, lo spirito competitivo e il benessere arrivato con il boom economico degli ultimi 50 anni

Linee di memoria

Linee di memoria

Una rappresentazione visiva di come distorciamo i ricordi, fatta di vecchie foto e cartoline modificate con lo smartphone

A caccia di squali

A caccia di squali

Le foto di un torneo per molti grottesco e crudele, ma che per altri è una manifestazione affascinante e utile

Portinerie romane

Portinerie romane

Un progetto in bianco e nero mostra cosa ci accoglie negli edifici e nelle palazzine dei quartieri residenziali della capitale, da Parioli a Prati

Turisti americani

Turisti americani

Fotografati da Roger Minick tra il 1980 e il 2001, in posa davanti all'Empire State Building, al Monte Rushmore e ai classici posti da cartolina

Serie di tv

Serie di tv

Quello che lo schermo della televisione riflette quando ce ne andiamo da un hotel, nel progetto della fotografa Joy Episalla

Animali curati come uomini

Animali curati come uomini

Luigi Avantaggiato ha seguito per un anno il lavoro dei veterinari, dove «l’eccellenza clinica è al servizio dell’animale e l’animale è più uomo dell’uomo».