diego bianchi

Zoro e la Lega

Zoro e la Lega

Diego Bianchi a Bergamo tra ramazze, bandiere verdi, Bossi e Mao Tse-tung, nell'ultima puntata di Tolleranza Zoro

Come vanno le cose all'Aquila

Come vanno le cose all’Aquila

Nell'ultima puntata di Tolleranza Zoro, Diego Bianchi è tornato in città per vedere la ricostruzione (che non c'è) a tre anni dal terremoto

Zoro e le cozze pelose

Zoro e le cozze pelose

La nuova puntata di Tolleranza Zoro su Emiliano, Rutelli e Lusi con Lavitola a dar consigli

L'8 marzo dei No TAV

L’8 marzo dei No TAV

Zoro è andato in Val di Susa, tra reading notturni, cieli tersi 'na cifra e capelloni di Bussoleno

Zoro a Palermo

Zoro a Palermo

Le primarie, Lucio Dalla, "la caciara del Partito Democratico" e i ricordi di Diego Bianchi

Zoro e i mercati

Zoro e i mercati

La puntata di sabato sera di Tolleranza Zoro, col ritorno di Lavitola, il caso Lusi e i mercati

Zoro intervista D'Alema

Zoro intervista D’Alema

Dal caso Penati al caso Totti, passando per i privilegi fiscali della Chiesa e la storia dell'onorificenza vaticana ricevuta nel 2006

Zoro a Manchester

Zoro a Manchester

Sette minuti in presa diretta dal centro di una delle città luogo di violenze e saccheggi

Zoro a Milano

Zoro a Milano

Diego Bianchi con Valerio Mastandrea e Daniele De Rossi tra i milanisti, il Duomo e la campagna elettorale

L’odio non è di sinistra

Prima abbiamo riconquistato il garantismo. È accaduto a fatica: molto per demerito degli altri, diventati (o tornati) forcaioli; molto per merito di Giuliano Pisapia e della sua biografia; un po’ grazie a un’antica cultura politica democratica che resiste all’onda alta

Beato chi ci crede

Beato chi ci crede

Di Primo Maggio, di lavoratori, di concerto e sindacati, di primo maggio, di beati, di papi e di miracoli, di par condicio e suore leghiste, di un mondo migliore per chi ha fede e peggiore per chi non ne ha.

Zoro, Pasquetta e il bollito

Zoro, Pasquetta e il bollito

Di Pasquetta e voglia di resuscitare, di bollito e fave e pecorino, di antichi e moderni romani, di magistrati, terroristi, pacifisti e Vittorio Arrigoni, di scuola e Costituzione, di barzellette e depilatori, del bar di Vezio, aspettando il tramonto. Questo

Zoro a Manduria

Zoro a Manduria

Con i tunisini che scappano e con le ronde che li inseguono