La i di inglese

La prima volta che andai in Norvegia imparai quale straordinario veicolo di colonizzazione culturale angloamericana fossero i programmi in lingua originale e sottotitolati della televisione – telefilm, fiction, film, reti britanniche – ma anche di diffusione della familiarità con la lingua inglese. Quest’anno sono stato qualche giorno in Svezia e ci ho ripensato: sono popoli per cui la conoscenza della lingua inglese non è estesa solo per il livelllo di civiltà, cultura, modernità e per la prossimità geografica e linguistica con la Gran Bretagna: ma anche perché da che esiste la tv una grossa quota dei programmi sono trasmessi in inglese e non doppiati. Finisce che ti abitui.
Mi sono chiesto cosa avremo guadagnato noi italiani se una tv di servizio pubblico avesse cominciato ad abituarci a vedere i programmi in lingua originale fino dai tempi di Happy Days, e poi via via con il boom dei film americani in televisione, con le serie tv e gli show, tutto sottotitolato. Probabilmente sarebbe arrivata Mediaset con le versioni tradotte e avrebbe stravinto con gli ascolti, risponderete voi, dimenticando ancora una volta la logica del servizio pubblico che dovrebbe prescindere dagli ascolti. Ma non voglio dire che andasse fatto: immaginiamo solo che sia stato fatto, da quarant’anni. Saremmo un pochino più colti, più cosmopoliti, più preparati a vivere in questo mondo (come la piccola avanguardia che oggi si scarica dalla rete film e serie tv in inglese). Un pochino, per carità. Pazienza.


Vedi anche:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.