Complotti

Non trovai il Gabibbo. Finii nello studio di Ambra, poi in quello di Emilio Fede. Ne accarezzai il gobbo maledetto, proseguii e mi trovai nell’ufficio di uno dei dirigenti. Davanti alla scrivania campeggiava un dipinto che ritraeva la famiglia di Mike Bongiorno, al completo, in stile iperrealista. Olio su tela. Cm. 300×200. Un corriodio tutto tappezzato di fotografie di Columbro in costumi diversi. Columbro messicano con sombrero. Columbro pistolero. Columbro Piede Nero.

Vidi moltre altre cose quel giorno, ma delle quali sarebbe inutile scrivere adesso. Ero là per Massimo D’Alema e quando lo incontrai riuscii pure a scattargli una foto con la Polaroid. In quell’immagine, che ancora custodisco gelosamente, Massimo mi guarda dritto negli occhi (nell’obiettivo) e cerca di rubarmi l’anima.

Naturalmente, avendolo fotografato io, è più probabile che sia stato io a rubarla a lui.

Oppure le due forze si sono compensate e adesso le nostre due anime, quella mia e quella di Massimo D’Alema sono rimaste dentro il caricatore di una Polaroid anni 90. Ma questo è un pensiero troppo brutto, che non avrei mai dovuto concepire».

Avrei dovuto rispondere così a quel simpatizzante del M5s che questa mattina su Facebook identificava in Massimo D’Alema il male assoluto, e ne attribuiva a me la responsabilità per la sua esistenza. Invece gli ho suggerito di trovarsi degli amici determinati, un auto veloce, dei passamontagna e delle armi da fuoco e regolare la cosa così, come usava nel passato.

Insomma, se ritieni davvero che questo tizio, questo D’Alema, sia il male assoluto, eliminalo.

È una cosa orribile quella che gli ho scritto. Me ne rendevo conto già mentre digitavo le prime due lettere, eppure ero così stufo. Non ne potevo più di vedere identificare qualcuno con il male assoluto senza che questo determinasse una reazione proporzionata.

Perché, alla fine, non è di D’Alema che volevo parlare, è solo che da quella conversazione sono passato ad alcune teorie care al cospirazionismo. E qui sta l’oggetto di questo articolo.

Due giorni fa sono stato bannato dalla pagina di Rosario Marcianò, uno dei principali divulgatori di teorie del complotto italiani, per delle battute toscane.

Era suo diritto. Non me ne lamento.

Ma nei giorni seguenti mi sono trovato a pensare a lui, a tutti quelli che, come lui, sostengono che ci sia un governo segreto spietato che ordisce ogni giorno piani per avvelenarci, per modificarci geneticamente, per renderci schiavi. Dico, questi sostengono che nel cielo vengano asperse sostanze che ci fanno morire. Devo ripetere il termine? Morire.

Ecco, ora: io ho un figlio e una moglie che amo tantissimo. Ho una madre, un padre, degli amici, addirittura un me stesso al quale tengo moderatamente e mi sveglio ogni mattina con la convinzione che “qualcuno” ci sta avvelenando tutti. Che “qualcuno” finge attentati per renderci dei servi impauriti, che “qualcuno” si organizza in cerchie segrete e spietate che hanno come unico obiettivo lo sterminio di noi tutti, noi brave persone oneste.

Mi sveglio con questo pensiero, tutti i santi giorni e tutte le notti con questo pensiero mi corico e, ciò nonostante, non faccio niente? Non agisco?

Sì, ok, scrivo qualche riga sui blog, sui forum. Mi metto lì, con Photoshop, aggiusto qualche foto, prendo Vegas Video o Premiere e monto un filmato con spezzoni presi da Youtube che sottolineano l’esistenza di un governo segreto mondiale che ci vuole tutti morti ma, in sostanza, alla fine, di tangibile, non faccio proprio niente.

Ora, dico, come si può essere convinti della veridicità di queste teorie e non reagire, non armarsi fino ai denti e lanciarsi in una jihad di liberazione dell’occidente da questi segreti assassini?

Immaginiamo se i nostri padri e nonni partigiani avessero risposto allo stesso modo agli orrori nazifascisti. Produrre delle foto in bianco e nero dell’eccidio di S.Anna di Stazzema con la scritta “SVEGLIAAAA!!! CI STANNO AMMAZZANDO TUTTI!!” sarebbe stato sufficiente?

Allora com’è che le persone che sostengono le teorie del complotto non reagiscono di conseguenza ma si limitano a postare foto e articoli sul web?

La mia prima risposta istintiva è: «Perché quelle teorie sono solo stronzate».

Sono affezionato a quella risposta, e mi fermerei qui, anche perché che la seconda è molto peggio: «Come si chiama un uomo che, convinto che esista una tale minaccia di sterminio, non si batte per la propria vita e per quella dei propri figli?»

Avete una parola adatta?

« Pagina precedente 1 2
Mostra commenti ( )