Buongiornissimo

Intervistato dal Corriere della Sera a proposito della sua espulsione dal Movimento 5 Stelle, il senatore Gregorio De Falco ha detto che le persone del suo ex partito non sanno «gestire il dissenso» e «non hanno nessuna attitudine democratica». La senatrice Paola Nugnes, la cui espulsione dal partito è ancora in corso di valutazione, dopo l’apertura della procedura dei probiviri del Movimento 5 Stelle aveva scritto esasperata su Facebook ai suoi fan ed elettori: «Ho avuto modo di spiegarvi e di dirvi ma evidentemente non vi interessa capire. Continuate a dirmi piddina dimostrando di non capire neanche quello che si dice, di non conoscere i fatti, vi mancano forse i dati e le informazioni per valutare». Dopo l’espulsione di De Falco – su di lei non è ancora stata presa una decisione –  Nugnes ha ironizzato sull’evidente ipocrisia del detto «uno vale uno» e poi, sempre al Corriere, ha detto che nelle decisioni interne al Movimento pesa grandemente il volere della Casaleggio Associati.

Dato che – nonostante le occasioni non siano certamente mancate – non risultano prese di posizione precedenti di simile amarezza e assertività da parte di De Falco e Nugnes, l’osservatore esterno non può fare a meno di rassegnarsi a pensare che ci siano solo due spiegazioni possibili. La prima è che De Falco e Nugnes, forse a causa di un grave incidente o un lungo viaggio interstellare, non siano a conoscenza di quello che è accaduto in Italia negli ultimi dieci anni. La seconda è che tutto ciò che oggi fingono di notare con sconcerto – i parlamentari espulsi a mazzi e costretti a rinunciare alle loro prerogative costituzionali, il fatto che il partito sia proprietà privata di un tizio che lo ha ereditato dal padre e che esercita un potere assoluto, il fiume di molestie, calunnie e insulti che ricopre online e offline qualsiasi oppositore, l’ignoranza rivendicata e utilizzata come arma – gli sia andato bene, più che bene, finché si sono trovati nella posizione di goderne. Com’è che si dice: avete scommesso sulla rovina di questo paese e avete vinto. Finché non avete perso. Abbiate perlomeno la costumatezza di non fingervi sorpresi.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.