(Uniqlo)
  • Articolo Sponsorizzato

Come vestirsi freschi e comodi

Molti abiti in promozione da Uniqlo per questa primavera sono realizzati con tessuti sostenibili e innovativi

(Uniqlo)

Se negli anni la moda ha puntato spesso sull’innovazione creativa e produttiva, oggi vuole anche essere sempre più sostenibile nei confronti dell’ambiente. Secondo la Camera Nazionale della Moda Italiana, la sostenibilità è un pilastro della strategia per il futuro del settore, e anche una leva competitiva per consolidare il ruolo dei creatori e produttori italiani. La Camera Nazionale della Moda ha anche promosso un manifesto per “l’adozione di modelli di gestione responsabile lungo tutta la catena del valore della moda a vantaggio del sistema Paese”. Tra i dieci punti del decalogo, uno è dedicato alle materie prime, come i tessuti: vanno privilegiati quelli “provenienti da coltivazioni tracciabili e a minor impatto ambientale (per le fibre di origine vegetale) e che rispettino il benessere animale (per le fibre di origine animale, per i pellami e i materiali).

Il tema della sostenibilità coinvolge dunque aziende del settore della moda in tutto il mondo, come Uniqlo, che valorizza tessuti con filiere di produzione etiche e sostenibili. Tra i tessuti considerati ecosostenibili nell’industria tessile c’è il lino, cui il brand dedica ampio spazio nelle sue collezioni primavera-estate, sia da uomo che da donna. Il lino è una fibra di origine vegetale che, oltre alla caratteristica di tenere freschi, e quindi di essere adatta all’abbigliamento per i mesi più caldi, è resistente e comoda da indossare.

La Linum usitatissimum, da cui è ricavato, è una pianta con grandi fiori blu che è stata fra le prime a essere coltivate dall’uomo, fin da tempi antichissimi. Ha bisogno di poca acqua per crescere: secondo la Confederazione Europea di Lino e Canapa (CELC), il lino è irrigato quasi totalmente da acqua piovana. Alcune altre sue caratteristiche sostenibili sono legate al fatto che richiede pochi fertilizzanti e che ogni sua parte viene utilizzata per qualcosa: tutto ciò che non è una fibra, come i semi, la paglia o gli steli di qualità inferiore, è trasformato in sapone, olio alimentare, carta o mangimi per il bestiame. Dal 2017 Uniqlo collabora con la CELC per garantire che il lino premium e il lino misto vengano realizzati al 100% con fibre di lino europeo.

Accanto alla sostenibilità, l’altro tema portato avanti dall’industria della moda è quello dell’innovazione. E tra i tessuti innovativi c’è l’AIRism di Uniqlo, composto da fibre molto sottili, con un diametro pari a un dodicesimo di quello dei capelli umani. Riesce a mantenere la pelle fresca e asciutta, con cui Uniqlo ha realizzato diversi capi, soprattutto della collezione intimo, sia per uomo che per donna.

La collezione è nata da una riflessione sui cambiamenti climatici. Gli indumenti della collezione AIRism sono pensati per aiutare a mantenere costante il proprio microclima a prescindere dalle condizioni ambientali esterne, in modo che il contatto con i vestiti sia sempre piacevole. Tra le caratteristiche di AIRism c’è il fatto che è traspirante, assorbe e allontana l’umidità in eccesso, inoltre si asciuga velocemente. Le sue fibre ultrafini sono fresche al tatto, elastiche, morbide e lisce. Infine hanno proprietà studiate per neutralizzare gli odori del corpo. Uniqlo offre la possibilità di richiedere e ricevere gratuitamente un articolo fra quelli della collezione in tessuto AIRism, che i clienti potranno poi recensire attraverso l’app ufficiale.

Con la primavera ormai iniziata, Uniqlo ha inoltre annunciato una campagna di promozioni sulle sue collezioni donna, uomo, bambino e neonato. Molti gli abiti proposti, tra pantaloni, giacche, cappotti e camicie. Nella collezione donna è ad esempio possibile acquistare una giacca a vento o un cappotto realizzato per la collezione primavera/estate 2021 disegnata da Inès de la Fressange.

Della collezione in AIRism si trovano scontate una maglietta da donna senza cuciture taglio lungo e maniche lunghe e una maglietta girocollo sempre a maniche lunghe. Entrambe comode ed essenziali.

Per quanto riguarda i capi in lino, fra le collezioni da donna c’è una camicia di misto lino con collo aperto e maniche a tre quarti oppure senza maniche. Sempre in misto lino e senza maniche anche un vestito a trapezio. Sono scontati anche gli short relax in lino misto cotone.

Vestito a trapezio in misto lino senza maniche (Uniqlo)

Short relax in lino misto cotone (Uniqlo)

Dalla collezione disegnata da Inès de la Fressange si possono scegliere, fra i capi scontati, una giacca blu marino in lino misto cotone e dei pantaloni plissettati e affusolati, anch’essi in lino misto cotone.

Giacca blu marino in lino misto cotone della collezione primavera estate di Inès de la Fressange (Uniqlo)

Pantaloni plissettati e affusolati a quadri in lino misto cotone della collezione primavera estate di Inès de la Fressange (Uniqlo)