Il presidente russo Vladimir Putin (Alexei Druzhinin, Sputnik, Kremlin Pool Photo via AP)
  • Mondo
  • giovedì 2 Luglio 2020

Putin potrà rimanere al potere fino al 2036

Il 78 per cento degli elettori ha appoggiato le riforme costituzionali volute dal presidente russo: è un risultato ampiamente previsto, ma cosa ci dice?

Il presidente russo Vladimir Putin (Alexei Druzhinin, Sputnik, Kremlin Pool Photo via AP)

Con il 98 per cento delle schede scrutinate, più del 78 per cento degli elettori russi che hanno votato ha appoggiato le riforme costituzionali volute dal presidente russo Vladimir Putin, che prevedono tra le altre cose la possibilità per Putin di rimanere al potere fino al 2036. Il referendum si è svolto nel giro di sette giorni nonostante i rischi provocati dalla pandemia da coronavirus, con un’affluenza di più del 64 per cento. Il risultato – una vittoria netta per Putin – era ampiamente atteso, ma diversi esponenti dell’opposizione russa hanno parlato di irregolarità nel voto e della mancanza di regole chiare che garantissero la trasparenza del processo elettorale. Putin ha 67 anni ed è stato al potere in Russia, o come primo ministro o come presidente, negli ultimi 20.

– Leggi anche: Vent’anni di Putin

Alexei Navalny, il principale e più noto oppositore di Putin, ha definito i risultati del referendum una «grande bugia», dicendo che non riflettono la reale opinione pubblica in Russia. Golos, organizzazione indipendente che si occupa di monitorare le elezioni, ha descritto il processo elettorale come «manipolato» fin dall’inizio, a causa soprattutto della parzialità della stragrande maggioranza dei media russi e delle molte pressioni sugli elettori compiute da una serie di compagnie e organizzazioni finanziate da organi statali.

Analisti ed esponenti dell’opposizione hanno criticato inoltre il governo russo per la gestione delle operazioni di voto: prima che i seggi fossero chiusi, il ministro dell’Interno russo aveva già detto che non c’erano state violazioni che avrebbero potuto alterare il risultato finale, senza contare che copie della nuova Costituzione già modificata erano disponibili per la vendita nelle librerie del paese già durante la settimana.

– Leggi anche: La Russia ha messo una taglia sui soldati americani in Afghanistan?

Fin dall’inizio il referendum è stato visto come un modo trovato da Putin per consolidare il suo potere e la sua idea di Russia. Le modifiche introdotte dal referendum riguardano una decina di articoli della Costituzione. Oltre a quelli relativi alle istituzioni e al welfare, ce ne sono alcuni che sono stati elaborati per rafforzare l’impianto conservatore del paese: per esempio sono stati vietati i matrimoni tra persone dello stesso sesso ed è stato introdotto un riferimento alla ancestrale «fede in Dio» della Russia.

La vittoria per Putin non era mai stata in discussione, ma la cosa su cui si sono concentrati diversi esperti è stata un’altra.

Andrew Higgins, giornalista che si occupa di Russia, ha scritto sul New York Times che non è chiaro il motivo per cui Putin abbia avuto bisogno di un referendum, considerato che le modifiche costituzionali erano già state ratificate dal Parlamento russo e dagli organi regionali competenti, e che erano già entrate in vigore mesi fa. Secondo Greg Yudin, sociologo e teorico politico all’Università di Mosca delle Scienze economiche e sociali, il referendum «non è stato per niente un processo senza significato», perché il sistema russo sotto Putin è sempre dipeso fortemente dall’apparente appoggio pubblico in grado di dare legittimità alle decisioni del presidente: «È un teatro, ma un teatro molto importante e ben fatto. Il sistema ha bisogno di mettere in scena l’appoggio pubblico anche quando non ce l’ha».