• Mondo
  • lunedì 24 giugno 2019

Gli Stati Uniti hanno annunciato nuove sanzioni contro l’Iran

Colpiranno l'ayatollah Ali Khamenei e il capo dell'unità responsabile del recente abbattimento del drone americano

Il presidente americano Donald Trump ha annunciato che imporrà nuove sanzioni economiche all’Iran, un paese da tempo ostile agli Stati Uniti con cui la tensione è tornata altissima nelle ultime settimane, specialmente dopo l’abbattimento di un drone americano da parte delle forze iraniane nel sud del paese.

Trump ha annunciato che le sanzioni colpiranno l’ayatollah Ali Khamenei, cioè la Guida suprema dell’Iran, la carica politica e religiosa più importante del paese: gli sarà impedito di accedere ai suoi fondi esteri (dal valore stimato di svariati miliardi di dollari). Saranno inoltre colpiti da sanzioni individuali otto alti generali dell’esercito iraniano, fra cui il capo dell’unità responsabile del recente abbattimento del drone.

Più o meno un anno fa, l’amministrazione Trump aveva deciso di reintrodurre le sanzioni economiche che di fatto paralizzano l’economia iraniana, tre anni dopo la storica firma di un accordo sul nucleare iraniano. L’accordo si basava su uno scambio: l’Iran si sarebbe impegnato a ridurre il numero delle sue centrifughe e a rinunciare in parte alla sua capacità di arricchire l’uranio – entrambi elementi necessari per la costruzione della bomba nucleare – mentre gli altri paesi firmatari avrebbero rimosso buona parte delle sanzioni internazionali imposte sull’economia iraniana. Ritirando gli Stati Uniti dall’accordo e reintroducendo le sanzioni, Trump aveva di fatto avviato una nuova fase di tensioni, che prosegue ancora oggi.

(Majid Saeedi/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.