La commissione elettorale spagnola ha escluso l’ex presidente catalano Carles Puigdemont dalle prossime elezioni europee

La commissione elettorale spagnola ha escluso l’ex presidente catalano Carles Puigdemont dalle prossime elezioni europee, alle quali si era candidato con la lista Junts per Catalunya – Lliures per Europa. Assieme a Puigdemont, sono stati esclusi anche l’ex ministro della Salute catalano, Toni Comín, e l’ex ministra dell’Educazione, Clara Ponsatí: tutti e tre erano capilista, e tutti e tre si trovano fuori dalla Spagna perché sarebbero arrestati se tornassero in patria.

La giunta ha dato ragione al Partito Popolare e a Ciudadanos, due partiti di centrodestra che avevano presentato ricorso contro le candidature di Puigdemont, Comín e Ponsatí, in quanto coinvolti nella dichiarazione unilaterale di indipendenza della Catalogna, considerata illegale dal governo spagnolo. La commissione ha motivato la loro esclusione parlando genericamente di una non idoneità a essere candidati, scrive El Diario.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

Continua sul Post