• Mondo
  • venerdì 18 maggio 2018

La sparatoria nel liceo in Texas

Sono morte almeno 10 persone e ci sono diversi feriti: l'aggressore e un altro sospettato sono stati arrestati, e sono stati trovati anche esplosivi

(KTRK-TV ABC13 via AP)

Venerdì pomeriggio (le 7.45, ora locale) un uomo ha sparato sugli studenti alla Santa Fe High School di Santa Fe, in Texas, circa 50 chilometri a sud di Houston, uccidendo almeno 10 persone e ferendone diverse altre, tra cui un agente di polizia in servizio presso la scuola. L’assalitore è stato fermato dalla polizia, insieme a un’altra persona considerata sospetta. Si chiama Dimitrios Pagourtzis, ed è uno studente 17enne. All’interno e all’esterno della scuola sono stati trovati degli esplosivi rudimentali, che la polizia sta disinnescando.

Una testimone ha detto che questa mattina poco dopo l’orario di ingresso a scuola è scattato l’allarme antincendio e che mentre gli studenti si dirigevano verso le uscite si sono sentiti degli spari. Un altro studente ha raccontato che l’assalitore è entrato in un’aula dove era in corso una lezione d’arte e ha iniziato a sparare con quello che sembrava essere un fucile da caccia. La polizia è intervenuta isolando la scuola e perquisendo tutti gli studenti che si trovavano nell’area. L’assalitore è stato fermato e non è ferito. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha diffuso su Twitter un video di solidarietà con le vittime.

Un mese fa nella stessa scuola si erano tenute – come in molte altre – delle proteste di ragazzi contro le stragi nelle scuole. La strage di venerdì arriva tre mesi dopo quella nel liceo di Parkland, in Florida, nella quale morirono 17 persone.

Mostra commenti ( )