A Michele Emiliano il programma Lega-M5S piace molto

Dice che l'avrebbe sottoscritto "dalla prima all'ultima clausola" e che è "compatibile con istanze di progresso"

(ANSA/ANGELO CARCONI)

Intervistato da SkyTg24, il presidente della Puglia e dirigente del PD Michele Emiliano ha detto di aver apprezzato molto il “contratto” di governo sottoscritto tra Lega e Movimento 5 Stelle che è stato presentato oggi, dopo due settimane di trattative (qui trovate le cose più importanti da sapere sul contenuto). Secondo quanto riportato delle agenzie di stampa, Emiliano avrebbe detto in diretta:

«Ho letto il programma e l’avrei sottoscritto dalla prima all’ultima clausola. Nella sostanza e nella forma è compatibile con il programma della Puglia e compatibile con istanze di progresso»

Le affermazioni di Emiliano sono state subito criticate da diversi dirigenti vicini all’ex segretario del PD Matteo Renzi, di cui Emiliano è avversario politico. Le critiche in genere sottolineano il fatto che il programma di Lega e Movimento 5 Stelle contenga punti come la costruzione di campi di detenzione ed espulsione per decine di migliaia di migranti, proponga la distruzione di tutti i campi rom e l’ulteriore allargamento della legittima difesa, oltre a numerosi altri punti in netto contrasto con le posizioni del PD. D’altro canto il programma non include nulla sui diritti civili e praticamente nulla su quelli delle donne.

Il “contratto” contiene diversi altri elementi controversi e molto criticati, per esempio la proposta di introdurre una qualche forma di vincolo di mandato, una disposizione che rischia di produrre gravi distorsioni al funzionamento democratico del Parlamento. Inoltre nel programma non viene indicato dove recuperare i circa 70 miliardi di euro che, secondo le stime più caute, sono necessari per realizzarlo.

Emiliano ha collegato la sua valutazione sul programma alle sue critiche all’attuale maggioranza del PD. «Il M5S non ha niente a che fare con Orban», ha detto riferendosi al primo ministro ungherese, uno dei principali esponenti della destra radicale europea: «Il PD poteva stare al tavolo e contribuire a scrivere quel programma, ma Renzi non ha voluto». Emiliano si riferisce al tentativo di dialogo con il Movimento 5 Stelle a cui lui ha sempre puntato e che, dopo il 4 marzo, Renzi è riuscito a bloccare, nonostante le sue dimissioni da segretario.

Mostra commenti ( )