Le foto della terza serata di Sanremo

Hanno cantato 10 "Campioni", quattro "Nuove proposte" e tra gli ospiti James Taylor, Giorgia, Virginia Raffaele, Gino Paoli e un gruppo di donne

Nella terza serata del Festival di Sanremo si sono esibiti di nuovo 10 artisti della categoria “Campioni” e, prima di loro, quattro “Nuove proposte”. Come ospiti ci sono stati l’imitatrice Virginia Raffaele (a sorpresa), il cantautore statunitense James Taylor, Giorgia, i Negramaro, Gino Paoli e Danilo Rea, e Nino Frassica, nei panni del maresciallo dei Carabinieri che interpreta in Don Matteo. Intorno all’una di notte è stata annunciata la classifica dei “Campioni” che si sono esibiti in base al voto espresso dalla sala stampa, che influisce al 30 per cento: tra le canzoni che sono andate meglio c’è “Non mi avete fatto niente” di Ermal Meta e Fabrizio Moro, tra quelle che sono andate peggio “Il segreto del tempo” di Roby Facchinetti e Riccardo Fogli.

Come nelle altre serate sono state cantate alcune canzoni del direttore artistico Claudio Baglioni: con i Negramaro ha cantato “Poster”, in uno sketch con la giornalista del TG1 Emma D’Aquino – simile a quello fatto nella seconda serata con Franca Leosini – ha cantato invece “Sabato pomeriggio”. Con Gino Paoli e l’accompagnamento di Danilo Rea, Baglioni ha cantato “La canzone dell’amore perduto” di Fabrizio De Andrè, “Il nostro concerto” di Umberto Bindi e “Una lunga storia d’amore” dello stesso Gino Paoli.

Baglioni ha cantato anche con Virginia Raffaele – “Canto (anche se sono stonato)” di Lelio Luttazzi – ma la parte più notevole della partecipazione dell’attrice a Sanremo sono state le imitazioni: quelle di Michelle Hunziker e Ornella Vanoni, fatte da lei, e quella di lei quando imita Belén Rodriguez fatta da Claudio Baglioni. Un altro duetto della serata è stato quello di Giorgia e James Taylor, che hanno cantato “You’ve got a friend”.

Anche Michelle Hunziker ha cantato, prima da sola e poi con un gruppo di donne che si sono alzate dal pubblico in una specie di flashmob. È cominciato tutto quando una donna ha interrotto Hunziker che stava cantando “I maschi” e poi “Bello e impossibile” di Gianna Nannini dicendo: «È l’unica donna sul palco in mezzo a tanti uomini, un momento ha per sé, per cantare una canzone, e cosa fa? Mi sceglie “I maschi”?». Insieme alle donne Hunziker ha fatto un medley di varie canzoni italiane che parlano di donne, come “Viva la mamma” di Edoardo Bennato, “La donna cannone” di Francesco De Gregori e “Quello che le donne non dicono” di Fiorella Mannoia, quella che fa «siamo così, dolcemente complicate». Alla fine di questo momento Hunziker ha invitato uomini e donne insieme a combattere «questa battaglia», anche se non è stato chiaro se si riferisse alla lotta alla violenza sulle donne o alla loro rappresentazione in TV. L’intera esibizione si può rivedere qui.

Sui social network molte persone hanno criticato questa esibizione: ad esempio Selvaggia Lucarelli, che sul Fatto Quotidiano aveva criticato Doppia Difesa, un’associazione no profit a sostegno delle donne che hanno subito violenze fondata da Hunziker e dall’avvocata Giulia Bongiorno, la conduttrice Daniela Collu e Giulia Blasi, la scrittrice ideatrice dell’hashtag #quellavoltache.

Stasera, per la quarta serata del Festival, tutti e 20 i “Campioni” canteranno una versione rivisitata dei propri pezzi insieme ad altri artisti ospiti. Si esibiranno anche tutti e 8 gli artisti che gareggiano per la categoria “Nuove proposte” e uno di loro sarà proclamato vincitore dopo una votazione ripartita tra televoto, giuria della sala stampa e giuria di esperti.

(Anche ieri sera c’era Paddy Jones, la «vecchia che balla», della canzone dello Stato Sociale.)

Continua sul Post