(Courtesy V1 Gallery e TBW Books)

I nostri giorni, sempre uguali, fotografati

Per 9 anni Peter Funch si è piazzato in un angolo di New York dalle 8:30 alle 9:30 per cercare le stesse persone, le loro abitudini e i loro gesti


10.07.2012 | 09:21:20

Tra il 2007 e il 2016 fotografo Peter Funch ha fotografo le persone che tra dalle 8:30 alle 9:30 passavano all’angolo tra la 42esima strada e Vanderbilt Avenue, a New York (fuori dalla stazione di Grand Central Terminal), cercando in loro dettagli e abitudini che ritornavano sempre uguali: la stessa giacca, lo stesso tè freddo, le stesse espressioni o gli stessi gesti di accendere la sigaretta, tenere i giornali o alzare un braccio.
Funch ha spiegato di aver avuto l’idea mentre lavorava a un altro progetto fuori da Grand Station, dove ha notato la massa di persone che si riversavano fuori dalla stazione, ciascuna con la sua destinazione, e gli è venuta l’idea di “trovare qualcosa di fisso e regolare in quest caos”.


27.06.2012 | 09:16:42

Le foto sono state scattate usando un obiettivo che consentisse di stare abbastanza distante dai soggetti e il progetto è ora raccolto in un libro pubblicato da TWB Books in cui Funch ha raccolto coppie di immagini degli stessi pendolari scattate in mattine diverse, a volte anche a distanza di anni, evidenziando le abitudini che ripetono ogni mattina.


31.05.2012 | 09:27:44

11.7.2012 | 09:21:54


18.07.2012 | 08:25:48

27.06.2012 | 08:27:29

Tutte le immagini: © Peter Funch, Courtesy V1 Gallery e TBW Books)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.