Un'immagine dall'edizione 2016 del festival "If!" (Pier Marco Tacca/Getty Images for Italians Festival)
  • Cultura
  • venerdì 29 settembre 2017

Il Post al festival “If!” a Milano

Il direttore Luca Sofri presenterà il progetto della nuova partecipazione del Post al FLA di Pescara

Un'immagine dall'edizione 2016 del festival "If!" (Pier Marco Tacca/Getty Images for Italians Festival)

Si è aperto giovedì 28 al teatro Parenti di Milano il festival “If!” (sta per “Italians Festival”) che ospita per tre giorni incontri, presentazioni e show di persone impegnate in diversi campi della “creatività”, per mettere in comunicazione produttori di contenuti i più diversi e professionisti della comunicazione. Spiega il sito:

Cinema, moda, letteratura, musica, arti grafiche e visive per elaborare nuove connessioni, ispirare, educare e comunicare imprimendo nuova potenza relazionale ai brand, ai loro prodotti e servizi.
Arte applicata e tecnologia per sovvertire il sistema e indicare la strada a una nuova generazione di creativi e di brand.

Tra gli ospiti di questa quinta edizione del festival ci sono Morgan, Nicola Savino, il regista David Karlak, il Global Creative Director di Google Ben Jones, Giovanna Cosenza, The Jackal, Rocco Tanica e molti altri per circa cento eventi complessivi. Il programma completo è qui.
Tra gli altri eventi, venerdì alle 16,15 il direttore del Post Luca Sofri presenterà il FLA 2017 di Pescara e la partecipazione del Post con una serie di propri eventi e incontri con i lettori. Il FLA è il festival di cui Sofri è direttore artistico dal 2012 e in cui il Post ha via via aumentato la sua presenza fino a un nuovo e ambizioso progetto di festa nella festa i cui contenuti saranno anticipati a “If!” venerdì e presentati ai lettori la settimana prossima. Con Sofri, a parlare dei festival e del ruolo pubblico di autori, scrittori e giornalisti, ci sarà il romanziere e autore televisivo Sandrone Dazieri.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.