L’altra guerra di Crimea

Iniziò quasi esattamente 160 anni fa, causata da una serie di improbabili errori: vi partecipò Tolstoj, l'Italia ne guadagnò molto e fu la prima guerra ad essere fotografata

di Davide Maria De Luca – @DM_Deluca

L’esercito russo, composto in gran parte da contadini analfabeti, era molto indietro in queste tecnologie ed usava in gran parte i vecchi moschetti a canna liscia (molti dei quali avevano l’interno arrugginito per lo scarso utilizzo). Gli ufficiali, inoltre, erano estremamente poco professionali (non c’erano scuole o accademie militari in Russia all’epoca) e comandavano i loro uomini, principalmente, con il terrore di punizioni.

Nonostante questa clamorosa inferiorità in tutti i campi, il comandante russo – il principe Menshikov, quello che aveva guidato le trattative a Costantinopoli – era convinto di poter respingere facilmente gli alleati. L’esercito russo incontrò gli alleati sul fiume Alma, poco lontano da Sebastopoli, e Menshikov fece costruire un palco dove alloggiare l’aristocrazia della città in modo che le signore e i nobili potessero osservare la disfatta del nemico con i loro binocoli da teatro. Gli alleati sconfissero l’esercito russo in meno di novanta minuti. Menshikov ritirò l’esercito nell’entroterra, mentre gli aristocratici scappavano in carrozza e l’esercito alleato circondava la città di Sebastopoli. Era la fine del settembre 1854 e, come ha scritto Edgerton, la città non sarebbe caduta prima di un altro anno di «quasi inimmaginabile sofferenza».

L’assedio
Più tardi, dopo la fine della guerra, diversi ufficiali russi – tra i quali c’era anche il conte Lev Tolstoj, che da quegli avvenimenti prese ispirazione per Guerra e pace – dissero che, se gli alleati avessero attaccato immediatamente la fortezza, questa sarebbe caduta. Gli alleati, però, preferirono agire con molta circospezione. Il comandante francese affermò che le sue truppe non erano pronte ad attaccare una fortezza e insistette perché venisse messo l’assedio alla città. Con una certa calma, quindi, l’esercito alleato iniziò a circondare la città, a scavare trincee, a creare basi permanenti e a trasportare in postazione gli enormi e pesanti cannoni d’assedio.

Il lungo assedio alla fortezza e il terribile inverno del 1854-55 fu il ricordo che rimase più tragicamente impresso nelle lettere, nelle memorie e nei diari dei soldati che vi presero parte. Il colera, che i soldati si erano portati dietro da Varna (e forse da Marsiglia, da dove era partito l’esercito francese) fece più morti degli scontri con i russi. Alla fine dell’assedio, malattie, fame e freddo avevano causato più della metà dei 110 mila morti subiti dagli eserciti alleati.

Le condizioni dei campi e i rifornimenti logistici, in particolare quelli dell’esercito britannico, furono di una tragica inefficienza. Mentre i francesi si attrezzarono in fretta con baraccamenti di legno, i britannici rimasero in gran parte alloggiati in tende che finivano spesso strappate via dal vento. C’era una mancanza cronica di vestiti invernali, tanto che i soldati erano costretti a prendere le uniformi e i cappotti dai soldati russi morti. C’era così poca disciplina nel vestiario che agli ufficiali venne ordinato di portare sempre con sé la sciabola, in modo che potessero essere distinti dagli uomini che comandavano. Un ufficiale inglese scrisse che l’uomo meglio vestito del suo battaglione, durante l’inverno, era l’unico che nell’uniforme mostrasse ancora una traccia della giacca scarlatta d’ordinanza. Non c’erano stivali di ricambio e quando c’erano, per una serie di errori, vennero lasciati a bordo delle navi della flotta. Le scarpe sfondate vennero sostituite con bendaggi di fortuna e questo portò a un numero elevatissimo di casi di congelamento. Molte capanne prefabbricate in legno erano così pesanti e difficili da montare che vennero abbandonate lungo la strada che portava ai campi, oppure usate come combustibile.

C’era una enorme differenza tra la vita dei soldati e degli ufficiali di rango più basso rispetto ai loro superiori. Nonostante la sofferenza della truppa, il comandante britannico FitzRoy James Henry Somerset, Lord Raglan, tornava ogni sera a bordo del suo yacht, ormeggiato nella baia di Balaclava, per cenare e dormire. Non era il solo tra gli ufficiali di alto rango ad avere un lussuoso yacht dove andare a dormire. Molti altri godevano di questa comodità e avevano mogli o amanti ad aspettarli a bordo delle imbarcazioni.

La carica dei seicento
Durante l’assedio, oltre a morire di fame, freddo e malattia, le operazioni proseguivano lentamente. La città veniva bombardata dai pesanti cannoni d’assedio e l’artiglieria della fortezza rispondeva al fuoco. Nelle trincee più vicine alle fortificazioni i cecchini britannici e francesi si scambiavano colpi con quelli russi. Ci furono anche momenti molto “aristocratici”, in cui entrambe le parti sembrarono prendere la guerra come una garbata tenzone tra gentiluomini. Ad esempio, nell’autunno del 1854, un ufficiale russo con una bandiera bianca si avvicinò alle linee britanniche e propose una sfida tra i loro migliori cannonieri e “Jenny”, un cannone britannico famoso per la sua precisione e manovrato da alcuni marinai. I britannici accettarono e il giorno successivo, lungo tutta la linea del fronte, cessarono i combattimenti.

A mezzogiorno le due squadre di cannonieri salirono sui parapetti e si salutarono, mentre una folla di soldati e ufficiali si radunava, a debita distanza, per assistere al duello. Le regole prevedevano di sparare un proiettile pieno (non esplosivo, quindi) a testa. I primi a sparare furono i britannici, seguiti dai russi. Dopo sette turni i britannici riuscirono a centrare il cannone russo, tra le grida di gioia degli spettatori. Gli artiglieri russi sopravvissuti si tolsero il capello in segno di riconoscimento della sconfitta.

A parte questi episodi, gli unici momenti che distraevano i soldati dalla noia dell’assedio furono le tre battaglie (e le numerose scaramucce) con cui l’esercito russo cercò di interrompere l’assedio. Ci furono tre battaglie principali: Balaclava, Inkermann e Cernaia (dove venne impiegato il contingente del Regno di Sardegna, di cui parleremo tra poco) e finirono tutte con gravi sconfitte per l’esercito dello zar. Quella che è rimasta più famosa è senza dubbio la battaglia di Balaclava, grazie ad uno degli episodi più ricordati della storia della guerra: la carica dei seicento.

Celebrata da un famosissimo poemetto del poeta vittoriano Alfred Tennyson, The charge of the light brigade, e spesso ricordata come uno degli episodi di più spettacolare coraggio mai mostrato da soldati in battaglia, fu in realtà una piccola scaramuccia, frutto di un misto di coincidenze, errori e stupidità umana. I personaggi principali di questa tragedia furono Lord Lucan, un comandante di cavalleria inglese definito dai suoi colleghi “invincibilmente stupido”, e il suo diretto sottoposto, Lord Cardigan, un ufficiale che continuava a farsi dare licenze per malattie più o meno reali. I due erano cognati e si odiavano così tanto (e il loro odio era così noto) che il corrispondente del Times scrisse che chi li aveva messi l’uno al comando dell’altro era “colpevole di alto tradimento nei confronti dell’esercito”.

Il 25 ottobre, quando i russi cercarono di attaccare il campo britannico che assediava Sebastopoli, cominciò la battaglia di Balaclava. Durante lo scontro il comandante inglese (Lord Raglan, quello dello yacht) vide dalla sua posizione in cima alla collina alcuni russi che si preparavano a ritirarsi da un punto del campo di battaglia portandosi dietro alcuni cannoni inglesi catturati. In tutta fretta scrisse un ordine molto ambiguo per Lord Lucan, in cui gli ordinava di correre a riprendere quei cannoni, e lo affidò a un certo capitano Nolan (a sua volta noto per avere una pessima opinione di Lucan).

Il problema era che Lucan, dalla sua posizione in fondo a una piccola valle, non poteva vedere i cannoni che vedeva il suo comandante. Di fronte ai dubbi di Lucan che chiedeva a Nolan quali cannoni dovesse attaccare, i testimoni raccontano che Nolan rispose sventolando la mano e dicendo: “Quelli là!”, indicando gli unici russi visibili: una batteria di cannoni pronti a sparare in cima a una ripida collina. Lucan, incredulo, passò l’ordine al suo sottoposto, Cardigan. L’odio reciproco tra Nolan, Lucan e Cardigan impedì che uno dei tre chiedesse ulteriori spiegazioni al comandante in capo. Litigarono furiosamente tra di loro, si accusarono reciprocamente di codardia e infine si decisero ad eseguire l’ordine, evidentemente suicida. La brigata leggera di Cardigan, composta da seicento uomini, si allineò in fondo alla valle e si lanciò alla carica contro i cannoni russi. Centodieci uomini vennero uccisi e 161 feriti senza che nessun obbiettivo militare venisse raggiunto.

La fine e le conseguenze della guerra
Nell’agosto del 1855, quasi un anno dopo l’inizio dell’assedio, l’esercito russo fece l’ultimo tentativo di rompere l’assedio. Il risultato fu la battaglia della Cernaia, in cui l’esercito russo venne respinto dai bersaglieri dell’esercito di Sardegna, sbarcati pochi mesi prima in seguito agli accordi stipulati tra il primo ministro Camillo Benso conte di Cavour e Napoleone III. Poche settimane dopo un’importante postazione delle fortificazioni di Sebastopoli venne conquistata e il giorno dopo, il 9 settembre 1855, la città si arrese. Tutti gli eserciti erano ormai esausti e le operazioni si interruppero. Cominciarono dei lunghi negoziati di pace che alla fine, il 30 marzo del 1856, portarono al Trattato di Parigi e alla fine della guerra. In sostanza nessuno aveva ottenuto granché. La Russia venne costretta demilitarizzare il Mar Nero e a concedere alcuni piccoli territori all’Impero Ottomano, mentre Francia e Regno Unito si fecero garanti della sua integrità e indipendenza.

Chi guadagnò di più da questa guerra fu il Regno di Sardegna, che non aveva nulla a che fare con le cause e con lo scopo del conflitto. Cavour inviò in Crimea un piccolo corpo di spedizione composto da appena 15 mila uomini e in cambio Napoleone III firmò un accordo segreto con il quale si impegnava ad aiutare il Regno di Sardegna nella guerra contro l’Austria-Ungheria. Questi accordi entrarono in vigore nel 1859, quando scoppiò la Seconda Guerra di Indipendenza italiana in cui l’Austria venne sconfitta e fu costretta a cedere la Lombardia al Regno di Sardegna. Fu anche grazie alla piccola partecipazione nella guerra di Crimea se due anni dopo, nel 1861, il Regno di Sardegna cambiò nome e divenne Regno d’Italia.

« Pagina precedente 1 2

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.