• Cultura
  • giovedì 14 Febbraio 2013

Otto canzoni di Antony Hegarty (and the Johnsons)

Scelte dal direttore del Post, visto che stasera è ospite al festival di Sanremo (Antony, non il direttore)

For today I am a boy
(I am a bird now, 2005)
“Un giorno crescerò, e sarò una bella donna.
Un giorno crescerò, e sarò una bella ragazza.
Ma per ora sono un bambino.
Per ora sono un ragazzo”
Gospel, con un po’ di leggerezza e ottimismo in più di altre deprimenti riflessioni del nostro.

The snow abides
(The snow abides, 2006)
Michael Cashmore è un chitarrista e compositore inglese di molte ed eclettiche collaborazioni. Fece il suo secondo disco nel 2006, con cinque canzoni di cui due strumentali e tre cantate da Antony, formidabilmente come al solito. Questa ha piano e voce, e archi in coda. I testi sono di David Tibet, riverito guru di un progetto musicale e artistico inglese che si chiama Current 93.

Knockin’ on heaven’s door
(I’m not there, 2007)
Cover di Dylan assai distante dalla versione che ne fecero i Guns N’Roses, come potete immaginare. Fu incisa per un film dedicato all’autore, ma Antony l’aveva già cantata dal vivo l’anno prima,  quando si esercitava con un librone di canzoni di Dylan per imparare a suonare la chitarra.

Blind
(inclusa nel disco Hercules and Love Affair, 2008, degli Hercules and Love Affair)
La “band” era il progetto di un dj americano, Andrew Butler, che arruolò Antony a cantare – e a co-comporre – alcune canzoni e il singolo del primo disco, che andò molto forte in tutto il mondo, e il popolare sito Pitchfork lo nominò singolo dell’anno per il 2008.

Kiss my name
(The Crying Light, 2009)
Un valzer cantato da qualcuno sottoterra che ricorda i bei tempi andati e le canzoni che cantava e chiede di baciare il suo nome iscritto sulla lapide funebre. Tutto con molta allegria musicale.

« Pagina precedente 1 2