• Media
  • giovedì 18 ottobre 2012

La fine di Newsweek di carta

Un pezzo di storia del giornalismo dall'anno prossimo non esisterà più: le sue copertine più famose, e come si è arrivati a questo punto

Negli anni, Newsweek diventò famoso per il suo orientamento liberal, criticando Nixon e Ronald Reagan, fino ai suoi articoli contro l’ultima amministrazione Bush. Un giornalista del settimanale fu il primo a venire a conoscenza della relazione tra Clinton e Monica Lewinsky, ma i responsabili della redazione decisero di non pubblicarla finendo per essere bruciati dal sito Drudge Report: molti dissero che la scelta era motivata dalla volontà di non danneggiare i democratici. Il settimanale è stato criticato anche per alcuni servizi e copertine di taglio decisamente antiamericano comparsi nelle edizioni internazionali (come una bandiera americana in un cestino, in una edizione giapponese del febbraio 2005). Ad ogni modo, alla fine degli anni Novanta, prima della grande crisi di vendite e di identità, Newsweek aveva un grande successo di vendite, molto simile per numero di lettori e tipo di pubblico a TIME.

A partire dal 2008 le perdite in costante crescita, soprattutto sul fronte dei ricavi pubblicitari, causarono la messa in vendita della rivista: che fu venduta il 2 agosto 2010 a Sidney Harman, un imprenditore di grande successo nel campo degli impianti audio. Harman comprò Newsweek per la cifra simbolica di un euro, accettando di farsi carico del passivo della società, arrivato a quasi 50 milioni di dollari.

Dal novembre 2010, cioè quando Newsweek si è unito al Daily Beast, il direttore è Tina Brown, che dirigeva e aveva contribuito a fondare il secondo. La notizia della fusione venne accolta in modo molto critico e David Carr, celebre giornalista che si occupa di media sul New York Times, si chiese che senso avesse unire «due cose che non hanno quasi nulla in comune a parte il fatto di aver perso entrambe un sacco di soldi.» Uno dei primi risultati è stato che il sito Newsweek.com è scomparso, per essere inglobato all’interno di quello del Daily Beast, creando scontenti all’interno della stessa redazione del settimanale.

Durante la direzione di Tina Brown, celebre per aver scritto una biografia della principessa Diana e con una lunga esperienza alle spalle – diresse Vanity Fair dal 1984 al 1992 e il New Yorker dal 1992 al 1998 – il settimanale ha ottenuto diverse critiche, anche pesanti: dalle stroncature del suo restyling grafico, a marzo 2011, a copertine giudicate sessualmente allusive, molto banali o inutilmente sopra le righe.

L’ultima di queste uscì a settembre, dopo le proteste in alcuni paesi musulmani per il film su Maometto, ma non era male anche quella con la candidata alle primarie repubblicane Michelle Bachmann con gli occhi spiritati. Uno degli ultimi casi controversi riguardò l’articolo di copertina scritto dallo storico britannico Niall Ferguson nell’agosto 2012, che criticava pesantemente Obama: i contenuti dell’articolo e i dati citati sono stati fatti a pezzi da parecchi giornalisti americani, dando a Newsweek molta pubblicità negativa. Negli ultimi dati disponibili, la diffusione del settimanale risulta oggi diminuita del 51 per cento rispetto al 2007. Che già era stato un pessimo anno.

« Pagina precedente 1 2

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.