• Mondo
  • domenica 8 Luglio 2012

I nomi degli Stati Uniti

Perché si chiamano così, tutti e 50: un nome fu inventato da un imprenditore fantasioso, un altro si riferisce al fiume sbagliato, molti vengono dalle lingue degli indiani

Illinois
Illinois (pronuncia “Ilinoi”) è la grafia moderna del nome che diedero i primi esploratori francesi alle popolazioni che vivevano nella zona, con cui entrarono in contatto per la prima volta nel 1674. Secondo i loro racconti, alla richiesta di dire chi fossero, essi rispondevano che erano “Ilinois” (o una qualsiasi delle altre grafie che si ritrovano nelle carte degli esploratori): termine che i francesi intesero che significasse “uomini”.

Indiana
Il significato è facile: la “terra degli indiani”, dalle tribù indigene che ci abitavano quando arrivarono i colonizzatori. La storia di come lo stato arrivò a chiamarsi così è invece più complicata: una società commerciale di Philadelphia aveva accettato un ampio territorio (circa 13.000 chilometri quadrati) come pagamento di un debito contratto dalla Confederazione delle tribù indiane irochesi, nel 1768. La società decise di chiamare la terra in onore dei vecchi possessori, e la chiamò “la terra degli Indiani”, Indiana. Ma parte del territorio faceva parte dello stato della Virginia, che molti anni dopo entrò in una disputa legale, che arrivò fino alla Corte Suprema degli Stati Uniti, con la società proprietaria (che da qualche anno non era più la ditta di Philadelphia). La società perse la causa e il territorio entrò a far parte della Virginia, ma quando nel 1800 il Congresso creò lo stato dell’Ohio dall’ampio Territorio del Nordovest (come il territorio di Risiko), il resto della terra ritornò a chiamarsi Territorio (e dal 1816, stato) dell’Indiana.

Iowa
Il nome viene da una tribù del luogo, gli Ioway (oggi la Nazione Iowa degli indiani americani, un insieme di riserve, si trova più a ovest). Il significato del nome non è chiaro, dato che non è quello con cui gli Ioway chiamavano loro stessi: i discendenti della tribù sostengono che venga dalla pronuncia francese di Ayuhwa, “gli assonnati”, il nome che veniva loro dato come presa in giro dai Sioux del Dakota.

Kansas
Il nome dello stato viene dal fiume Kansas, a sua volta chiamato così dalla tribù dei Kansa che ci viveva vicino. La parola è molto antica e gli stessi indigeni ne avevano dimenticato il significato, che forse ha qualcosa a che fare con il vento, prima ancora di incontrare il primo esploratore europeo.

Kentucky
L’origine del nome non è chiara, ma dovrebbe provenire dalle lingue degli indiani irochesi: potrebbe voler dire “prateria”, “campo”, ma anche “terra del domani” o “fiume di sangue”.

Louisiana
La Louisiane, “terra di Luigi”, è il nome dato al territorio dai coloni francesi in onore di Luigi XIV, il Re Sole, re di Francia dal 1643 al 1715. La Louisiana è uno stato in cui la cultura di lontana provenienza francese è ancora molto importante, e circa il 5 per cento della popolazione parla correntemente francese a casa propria.

Maine
L’origine del nome è incerta, ma nel 2001 venne risolta di autorità con una risoluzione del parlamento dello stato, in cui si stabiliva il “Franco-American Day” il 6 marzo e si precisava che il nome veniva dalla provincia francese del Maine: una regione storica della Francia, oggi divisa tra due dipartimenti, che si trova a ovest di Parigi (è l’area in cui si trova Le Mans). Circa un terzo degli abitanti del Maine ha origini francesi, e anche grazie alla vicinanza con il Quebec lo stato ha una delle percentuali più alte negli Stati Uniti di parlanti francesi. Secondo altre ricerche, però, “Maine” sarebbe una forma abbreviata di mainland, “terraferma”, usata per chiamare il territorio dai marinai della zona a partire dal Seicento.

Maryland
La colonia britannica del Maryland venne chiamata così in onore della regina Henrietta Maria, moglie del re britannico Carlo I, che regnò dal 1625 al 1649, quando venne processato e decapitato durante la Guerra civile inglese guidata da Oliver Cromwell. Carlo I concesse il permesso regale per stabilire la colonia. Il fondatore, lord Baltimore, ha dato il nome alla città più grande dello stato, Baltimora (la capitale è Annapolis).

Massachusetts
Il nome dello stato viene dalla popolazione indigena dell’area, i Massachusett. Il nome significa “vicino alla grande collina”, con riferimento alle Blue Hills che si trovano a sudovest di Boston.

Michigan
Il nome dello stato viene dal nome del lago Michigan, uno dei cinque Grandi Laghi degli Stati Uniti nordorientali, al confine con il Canada. A sua volta, il nome del lago è la versione francese della parola indiana Ojibwa misshikama (pronuncia “mishigàma”) che significa “grande lago”.

Minnesota
La tribù dei Dakota chiamava il fiume Minnesota mnisota (da mni, “acqua”, e sota, “nuvolosa, fangosa”). I primi coloni aggiunsero qualche -i- per aiutare la pronuncia. Il nome della città principale, Minneapolis, è attribuito al primo maestro della scuola della città, che combinò mni con polis, termine greco per “città”.

Mississippi
Il nome dello stato viene dal fiume Mississippi, noto anche con il soprannome di “Padre delle Acque”, come lo chiamarono il romanziere James Fenimore Cooper e Abramo Lincoln. In realtà, la parola è la versione francese di messipi, che in lingua Ojibwa (la stessa da cui viene il nome del Michigan) si pronuncia “misisipi” e vuol dire semplicemente “grande fiume”.

Missouri
Anche qui si ripete l’accoppiata frequente stato-fiume che gli dà il nome. E ancora una volta il nome viene da una popolazione indigena che viveva lungo il fiume, i Missouri appunto, che facevano parte del grande gruppo etnico-culturale dei Sioux: il nome era quello con cui li chiamavano i vicini indiani della Confederazione Illinois, ouemessourita, che significa “quelli con le canoe scavate” o “quello della grande canoa”.

« Pagina precedente 1 2 3 4 Pagina successiva »