• Mondo
  • domenica 18 Marzo 2012

La morte di Shenuda III

Ieri è morto il papa della Chiesa ortodossa copta e patriarca di Alessandria: breve storia del suo papato e guida alla successione

Moderazione
Shenuda III si è sempre distinto per la sua moderazione, anche durante gli eventi più cruenti e potenzialmente pericolosi. Questa moderazione, secondo i più liberali e per i giovani rivoluzionari, era “eccessiva”. Grazie al suo atteggiamento, tuttavia, sono state probabilmente evitate tragedie ancora più gravi, come quella di una guerra interreligiosa più ampia tra cristiani e musulmani in Egitto. Non è stato un caso che durante l’ultimo Natale ortodosso di quest’anno, alti esponenti del governo di transizione del Consiglio Supremo delle Forze Armate (SCAF) hanno presenziato alla cerimonia religiosa copta alla cattedrale del Cairo, in segno di rispetto religioso.

Proprio per invocare il reciproco rispetto da parte delle varie comunità religiose nel paese, una delle frasi preferite di Shenuda III era “l’Egitto non è il paese in cui viviamo, ma il paese che vive in noi”. Ma teneva anche a precisare che la patria dei copti era l’Egitto, dato che i copti arrivarono nell’area prima dei musulmani, grazie all’opera di evangelizzazione che la tradizione assegna a San Marco nel primo secolo dopo Cristo, durante l’impero romano di Nerone. Shenuda III sarà seppellito martedì prossimo al monastero di San Bishoy, al Cairo.

La successione
Secondo il diritto canonico copto, al posto di Shenuda III verrà scelto un papa “provvisorio” nel giro di una settimana, mentre il successore vero e proprio verrà eletto entro tre mesi. La procedura prevede un sinodo di arcivescovi, vescovi e altri leader religiosi copti che sceglierà tre candidati. Tra questi, il nuovo papa verrà scelto per “volontà divina”, ossia per sorteggio. I due favoriti alla successione di Shenuda III sono l’arcivescovo Bishoy, capo della Santa Congregazione, considerato più conservatore, e l’arcivescovo Johannes, il segretario del papa, più giovane e più popolare tra i giovani.

foto: KHALED DESOUKI/AFP/Getty Images

« Pagina precedente 1 2