30 domande senza risposta

Dalle abitudini degli scarafaggi ai dinosauri con l'iPod, più una domanda bonus, le richieste più strane inviate alla celebre rubrica di Slate che spiega le cose

16. “Ho una domanda sul rap. Quando abbiamo iniziato a fare quei gesti con le mani mentre facciamo rap? È un fenomeno culturale solo in America o anche in altri posti? Come è nato?”

17. “Perché negli annunci pubblicitari non usano mai la parola dono? Si tratta sempre di regali, idee regalo e non si dice mai ‘adoreranno questa cosa come dono‘.”

18. “Perché è sbagliato dire cose come “Non sono un… (es. antisemita, razzista, o altro); ho molti amici che sono… (es. ebrei, neri o altro)”. Sembra logico, se non viene detto dopo una frase offensiva, ma abbiamo imparato in fretta nella vita a non fare una simile affermazione perché viene screditata o irrisa. No, non mi è mai successo in 25 anni, ma non capisco bene perché ci sia un simile tabù.”

19. “Perché tutti gli annunci del Servizio meteorologico nazionale sono fatti con le lettere maiuscole? Penso risalga al periodo in cui usavano i primi primitivi computer, era tutto ciò che avevano, ma non c’è modo di cambiare le cose così che non sembrino urla? Anche usando il servizio weather.com gli annunci sono tutti con le maiuscole.”

20. “Ho una puntura di zanzara sul mio tatuaggio. La zanzara si è quindi presa una dose di inchiostro oltre al mio sangue?”

21. “Sapete dirmi perché, quando fai un rutto, spesso senti il gusto di una cosa che hai mangiato da poco, ma non è sempre la cosa che hai mangiato più di recente? O se hai mangiato diverse cose nello stesso momento, il tuo rutto ha il gusto di una di quelle cose, ma non di tutte? Che cosa determina quale gusto senti quando rutti?”

22. “Le virgolette per indicare un significato diverso da quello letterale di una parola esistono in tutte le lingue scritte che usano segni di interpunzione o solo in alcune?”

23. “Perché ci vogliono 45 minuti di attesa in farmacia per avere i medicinali scritti sulla ricetta anche quando non c’è nessun altro che aspetta?” [Negli Stati Uniti alcuni medicinali vengono venduti sfusi sulla base della prescrizione, quindi il farmacista deve preparare le confezioni, ndr]

24. “Mi chiedo perché ci sia la tradizione di considerare il 25esimo anniversario un importante punto di arrivo per qualsiasi cosa: un matrimonio, l’uscita nelle sale di un film di successo, la morte di qualcuno, un grande evento e così via. Fatta eccezione per il 25esimo compleanno di qualcuno. Perché?”

25. “Puoi mandare un sms al 911?” [Il numero delle emergenze unico negli Stati Uniti, ndr.]

26. “Vogliamo portare mia figlia a Disney World. Ricordo che da bambino i pupazzi così grandi mi spaventavano un po’. C’è un motivo per cui sono così grandi? Hanno fatto uno studio psicologico che ha scoperto che quelle sono le dimensioni più appropriate per le dimensioni dei personaggi? Li rende più di fantasia? Penso sia l’opposto. Rompe l’illusione e mostra quanto sono fasulli.”

27. “Se butto un insetto vivo nello scarico del water – per esempio uno scarafaggio – muore? O gli sto dando la possibilità di tornare nella mia vita e di cercare vendetta? Ho sempre pensato che sarebbe affogato, ma qualcuno mi ha detto che sbagliavo e che stavo sprecando solo tempo e acqua. È meglio, mi dicono, assicurarsi che siano completamente spiaccicati prima di liberarsene.”

28. “Che cosa è successo ai cappellini delle infermiere e perché ce ne sono di così tanti tipi?”

29. “Quando un mio amico ride alla sua stessa battuta, in genere la rovina. Tuttavia, quando guardo Saturday Night Live e gli attori non riescono a trattenersi rido molto di più. Perché i comici che ridacchiano rendono gli sketch molto più divertenti? Rido con gli attori o rido di loro? (Penso “con”.)”

30. “Perché non ci sono casinò con donne nude a Las Vegas? È pieno di casinò e di strip club a Las Vegas, ma non ci sono combinazioni delle due cose.”

Bonus. “Perché le persone intelligenti sono spesso brutte? So che non è sempre il caso, ma mi pare che le due cose siano correlate. Essere attraenti non equivale a essere intelligenti (non tutte le persone brutte sono intelligenti), ma sembra che l’intelligenza possa prevedere l’essere attraenti (le persone intelligenti sono solitamente dalla parte dei brutti). Non ho nulla contro le persone che sono realmente intelligenti, me lo sono solo sempre chiesto.”

foto: Marco Bellucci

« Pagina precedente 1 2