• Mondo
  • martedì 23 Agosto 2011

Diario della guerra in Libia

La storia completa e le foto, dalle prime proteste di febbraio alla battaglia di Tripoli di questi giorni

di Nadia Ferrigo

5 luglio 2011 A più di cento giorni dall’inizio della guerra prosegue la situazione di stallo tra il regime di Gheddafi, la NATO e i ribelli antigovernativi. Marta Dassù, esperta di politica internazionale e già consigliere della presidenza del Consiglio e del ministero degli Esteri, ne ricapitola le ragioni sulla Stampa.

7 luglio 2011 I ribelli libici avanzano verso ovest combattendo chilometro per chilometro.

29 luglio 2011 Il generale a capo delle forze ribelli libiche, Abdel Fatah Younis, viene ucciso insieme a due delle sue guardie: l’omicidio è avvenuto poco prima che iniziasse l’interrogatorio a cui Younis era stato costretto dai ribelli perché sospettato di spionaggio. Il giorno successivo il Consiglio Nazionale Transitorio di Bengasi ammette ufficialmente che Younis è stato ucciso da alcuni dei suoi stessi soldati.

9 agosto 2011 Il capo del Consiglio Nazionale Transitorio di Bengasi, Mustafa Abdel Jalil, scioglie il governo in seguito alle accuse sulla morte del generale Abdel Fattah Younis.

14 agosto 2011 C’è una nuova offensiva dei ribelli, che cercano successi decisivi nell’area intorno alla capitale: scontri a Al Zawiyah, 30 km a est di Tripoli.

18 agosto 2011 Dopo quattro giorni di combattimenti senza sosta, i ribelli libici conquistano Zawiyah, una città costiera 50 chilometri a est di Tripoli. Le forze anti-governative prendono il controllo della raffineria di petrolio appena fuori città.

20 agosto 2011 I ribelli annunciano di aver ripreso Brega e accerchiano Tripoli da est e da ovest. Alle 22 ora italiana entrano a Tripoli: le prime voci parlano di scontri, spari ed esplosioni e raccontano della presenza per le strade di manifestanti antigovernativi.

21 agosto 2011 La guerra in Libia sembra essersi avvicinata al suo momento decisivo. I ribelli chiudono il cerchio intorno a Tripoli da tre lati. A tarda notte la tv di stato libica manda in onda un discorso di Gheddafi, che incoraggia i cittadini a difendere la capitale e “salvare Tripoli”. I ribelli arrivano nella piazza Verde, la piazza centrale di Tripoli. Tre figli di Gheddafi vengono arrestati.

22 agosto 2011 A Tripoli uno dei tre figli di Gheddafi in arresto è scappato, la tv di stato è sotto il controllo degli insorti.

23 agosto 2011 A Tripoli si combatte ancora. Saif al-Islam, uno dei figli di Muammar Gaddafi che sembrava essere stato catturato dai ribelli, è riuscito a scappare.

« Pagina precedente 1 2 3 4 5 6 7