• Mondo
  • martedì 23 Agosto 2011

Diario della guerra in Libia

La storia completa e le foto, dalle prime proteste di febbraio alla battaglia di Tripoli di questi giorni

di Nadia Ferrigo

1 aprile 2011 Muammar Gheddafi ha inviato a Londra una delle persone più fidate della sua cerchia, perché si impegni in colloqui informali e confidenziali con i funzionari del governo britannico. La notizia è stata diffusa sia dal Guardian che dalla BBC. La BBC riporta che sette persone sono state uccise durante un bombardamento della coalizione internazionale: gli attacchi hanno colpito un convoglio militare del regime pieno di munizioni, la cui esplosione ha distrutto due case poco distanti.

6 aprile 2011 Abdul Fatah Younis, il leader del Consiglio dei ribelli libici, dice di essere “deluso” dall’intervento della NATO, che sta agendo lentamente e non sta facendo abbastanza per proteggere i civili attaccati dalle truppe di Gheddafi.

7 aprile 2011 Le cronache dalla Libia sottolineano spesso la scarsa preparazione militare dei ribelli, più simili in molti casi a un gruppo di combattenti improvvisati che a un esercito: New York Times che Guardian tornano ad affrontare l’argomento, spiegando più nel dettaglio in che cosa consiste questa incompetenza militare.

9 aprile 2011 Le forze di Gheddafi sembrano sul punto di riconquistare nuovamente Ajdabiya.

11 aprile 2011 Proseguono i bombardamenti delle forze alleate sulla Libia, grazie ai quali i ribelli sono riusciti ad allontanare i militari fedeli a Gheddafi dalla città di Ajdabiya: per gli insorti è comunque un momento molto critico.

14 aprile 2011 A un mese dall’inizio della guerra, la comunità internazionale deve ancora decidere se fornire armi ai ribelli.

15 aprile 2011 Barack Obama, David Cameron e Nicolas Sarkozy firmano un articolo sul Figaro, sul Times, sull’International Herald Tribune e su Al Hayat per spiegare le ragioni dell’intervento militare in Libia e per illustrare la loro strategia per la pacificazione del paese. La tv di stato libica mostra un video di Muammar Gheddafi in macchina a Tripoli, sostenendo che sarebbe stato girato durante un attacco aereo da parte della NATO.

16 aprile 2011 L’organizzazione umanitaria Human Rights Watch denuncia l’uso da parte delle forze fedeli al dittatore libico Muammar Gheddafi di bombe a grappolo, un tipo di armamento vietato in più di cento paesi.

18 aprile 2011 Le foto di Misurata, la città più colpita dall’inizio del conflitto.

20 aprile 2011 A Misurata muoiono due fotografi, Tim Hetherington e Chris Hondros. Qui le più belle immagini scattate in dodici anni da Hondros. Italia e Francia decidono di inviare alcuni militari in Libia per addestrare i ribelli.

22 aprile 2011 Gli Stati Uniti autorizzano l’uso dei droni, i caccia senza pilota. La NATO si prepara a intensificare i bombardamenti sui siti militari a Tripoli.

23 aprile 2011 L’esercito di Gheddafi si ritira da Misurata.

« Pagina precedente 1 2 3 4 5 6 7 Pagina successiva »