• Cultura
  • mercoledì 20 luglio 2011

Storie di torte in faccia

Da Nicolas Sarkozy a Bill Gates e Pippo Baudo, altri episodi di celebrità colpite dal trattamento Murdoch, diciamo

Thomas Friedman
Thomas Friedman, celebre editorialista del New York Times, è stato colpito da due torte in faccia nel 2008 mentre teneva una conferenza alla Brown University. I due aggressori lasciarono un volantino in cui criticavano Friedman, un liberale di sinistra, per “aver detto al mondo che il libero mercato e le nuove tecnologie possono salvarci dal cambiamento climatico”.

Gail Shea
Nel gennaio del 2010 Gail Shea era il ministro canadese della Pesca e degli Oceani. Durante una conferenza a Burlington, in Ontario, una donna iscritta all’associazione ambientalista PETA gli ha lanciato addosso una torta alla frutta per protestare contro la politica del governo sulla caccia alle foche. La donna è fuggita gridando «Vergogna a Shea! Basta con la schiavitù delle foche», mentre il ministro si ripuliva e riprendeva il suo discorso.

Pippo Baudo
In Italia la torta in faccia più famosa è quella lanciata a Pippo Baudo durante il suo programma Gran premio, nel 1990. Baudo stava cantando Tre somari e tre briganti insieme a Renato Zero e Franco Franchi, quando Mascia, una ragazza eliminata dal programma, gli ha lanciato una torta in faccia.

Antonella Clerici
Antonella Clerici era appena entrata in studio per presentare il programma Il Ristorante, quando Elfrida Ismelli, fidanzata di Edoardo Vianello, si è alzata in piedi dalla prima fila, ha estratto dalla borsa una torta di panna e l’ha sbattuta in faccia alla Clerici ed è uscita dallo studio. Dopo un momento iniziale di sorpresa la conduttrice ha ricordato che la stessa cosa era successa a Pippo Baudo, e che per questo si sentiva onorata. La ragione del gesto della ragazza non è stata chiarita.

foto: AP Photo/VRT

« Pagina precedente 1 2 3

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.