• Mondo
  • Questo articolo ha più di undici anni

«Osama bin Laden è morto»

Ucciso dagli americani in Pakistan e gettato nel Mar Arabico, il test del DNA ha confermato la sua identità

di Elena Favilli

11.50: Il Guardian dà qualche dettaglio in più sul complesso residenziale di Abbotabad in cui viveva bin Laden.

Gli abitanti del luogo dicono che vedevano spesso grossi Landcruiser e altre macchine molto costose che entravano nel complesso, che si trova in un normalissimo quartiere residenziale con piccoli negozi e strade ricoperte da immondizia. Salman Riaz, un attore, ha detto che cinque mesi fa lui e la sua troupe avevano cercato di fare delle riprese vicino alla casa ma che due uomini erano subito usciti dicendo di smetterla. «Mi dissero che era haram (la parola con cui la religione islamica indica le cose che sono proibite, ndr)».

Un altro abitante di Abbottabad, Mohammad Haroon Rasheed, ha detto che il raid è avvenuta circa alle 1.15 di notte. «Ho sentito un rumore di tuono, poi una forte sparatoria. Poi gli spari sono finiti all’improvviso. Poi ancora rumore e infine una grande esplosione. Quando la mattina dopo sono andato a vedere c’erano dei resti di elicotteri per terra».

Qasim Khan, 18 anni, vive in una casa dall’altra parte della strada e racconta di avere visto due uomini pakistani entrare e uscire dalla casa spesso nel corso degli ultimi anni. Uno di questi viene descritto come un uomo grasso con la barba: «Non ho mai visto nessun altro tranne questi due uomini, alcuni bambini a volte li accompagnavano. Non ho mai visto nessuno straniero».

11,40: Il segretario generale della NATO Anders Fogh Rasmussen ha detto che l’uccisione di bin Laden è una «grande vittoria» per la sicurezza dell’alleanza atlantica.

Pubblicità

11,35: Secondo Amrullah Saleh, ex capo dei servizi segreti afghani, è impossibile che bin Laden vivesse in quella struttura a Abbotabad senza che il governo pakistano lo sapesse: «Davvero il Pakistan vuole farci credere che l’intelligence di una potenza nucleare non sapeva che Osama bin Laden era lì?.

11,30: Il necrologio del Guardian per Osama Bin Laden

Per i suoi nemici era un fanatico religioso, un terrorista che si era sporcato le mani con il sangue di migliaia di persone, un uomo che aveva portato la guerra in una grossa parte del mondo islamico ed era quasi riuscito a scatenare un conflitto globale su una scala mai vista da decenni. Per i suoi sostenitori, il cui numero si è impennato dopo gli attacchi dell’undici settembre, era un leader visionario che combatteva contro il dominio occidentale e contro la decadenza della fede islamica. In entrambi i casi, Osama bin Laden, che è stato ucciso dalle forze speciali americane a 54 anni, era una di quelle rare figure le cui azioni hanno cambiato il corso della storia.

11,27: La sezione interattiva del New York Times che ripercorre la vita di Osama bin Laden.

11,18: Molti giornali iniziano a chiedersi come bin Laden sia riuscito a vivere indisturbato in una struttura così mastodontica a due passi da Islamabad senza che le autorità pakistane ne fossero a conoscenza. Il Times of India scrive che questo dubbio creerà molti imbarazzi al governo pakistano, che per questo ora starebbe cercando di enfatizzare il suo contributo all’operazione nonostante il presidente degli Stati Uniti Barack Obama abbia detto chiaramente che è stata condotta soltanto da un «piccolo gruppo di americani».

11,08: Il primo ministro del Pakistan, Yousuf Raza Gilani, ha detto a AFP che l’uccisione di Osama bin Laden è una «grande vittoria» e che l’intelligence pakistana ha partecipato all’operazione condivdendo informazioni sensibili con gli Stati Uniti.

11,00: Alcune reazioni dei fedeli di bin Laden, raccolte dal sito Jihadology.

O Allah, fa’ che non sia vero.
Proteggici nella nostra perdita.
Dio voglia che non sia vero. Catastrofe se è vero.
La Jihad non si fermerà con la morte dello Sceicco. Continuerà fino alla vittoria.
Se è vero allora dobbiamo ringraziare Allah che l’America non è riuscita a catturarlo vivo. Altrimenti lo avrebbe umiliato come ha fatto con Saddam Hussein. Per noi è un martire. O Allah, accetta i martiri e unisciti a noi.

10,53: Abbotabad, la città dove bin Laden è stato ucciso, si trova a circa 60 chilometri a nord della capitale del Pakistan Islamabad. Il valore della struttura in cui bin Laden viveva nascosto con la sua famiglia e due suoi fratelli è stimato intorno a un milione di dollari, scrive il Guardian.

10,40: Il direttore del settore multimediale di MSNBC spiega perché la foto di bin Laden morto può essere considerata un falso.

A prima vista si nota un’area molto pixelata intorno alla ferita e la strana transizione del colore tra il vestito e la pelle indica che l’immagine è stata modificata. Inoltre l’espressione facciale è molto simile a quella di una foto del 1998, la prima sotto a sinistra.

« Pagina precedente 1 2 3 4 5 6 7 Pagina successiva »