• Mondo
  • martedì 2 novembre 2010

I risultati delle elezioni di midterm

La diretta del Post sul voto negli Stati Uniti: si comincia alle 23

Commenta i risultati delle elezioni su Friendfeed col Post

04.11. Christian Rocca sta guardando MSNBC, canale televisivo con spiccate tendenze liberal, e scrive che “je rode”. La redazione del Post guarda la CNN ma non fa fatica a credergli: eppure se MSNBC voleva dare una mano ai democratici forse poteva evitare di criticarli a oltranza.

04.08. Nella prossima legislatura non ci sarà alcun afroamericano nel Senato statunitense. I tre candidati neri a questo giro erano Meek in Florida, Greene in South Carolina e Thurmond in Georgia, tutti democratici, tutti sconfitti. L’unico uscente era Roland Burris, democratico dell’Illinois e nominato provvisoriamente al seggio di Obama, che non si è ricandidato.

04.01. Gli exit poll di CNN danno i candidati democratici in vantaggio in California, sia al senato che come governatore. Intanto sempre la CNN dà Nikki Haley nuovo governatore della South Carolina.

04.00. Rieletti il senatore democratico Wyden in Oregon e il repubblicano Crapo in Idaho.

03.59. Tra poco, ultima tornata di stati che chiudono le urne. Sono California, Oregon, Idaho e Washington.

03.46. Il senatore democratico Feingold, del Wisconsin, ha fallito la rielezione: un altro seggio senatoriale che passa ai repubblicani. In compenso ce l’ha fatta Barney Frank, deputato democratico tra i più rumorosi e determinati critici dei tea party.

03.43. La repubblicana Nikki Haley vicina alla vittoria come governatore della South Carolina, ma con più fatica del previsto. La sua campagna elettorale era stata piuttosto movimentata.

03.24. In Colorado i democratici eleggono governatore John Hickenlooper. Ma era una vittoria prevista, coi repubblicani divisi tra due candidati.

03.23. Tim Kaine, il presidente del partito democratico, ammette la sconfitta alla Camera.

03.12. Come previsto, i repubblicani conquistano la poltrona di governatore del Michigan con Rick Snyder.

03.10. Ancora qualche numero. In questo momento i repubblicani hanno 122 seggi alla Camera, i democratici ne hanno 73. I primi hanno strappato 12 seggi ai secondi. Al Senato, siamo 47 a 38 per i democratici.

03.03. Il collaudato e affidabile modello statistico di Nate Silver dice che i giochi sono fatti, in sostanza. Resta da capire se i seggi che i repubblicani strapperanno alla Camera saranno più vicini ai cinquanta o ai sessanta. Restano da guardare tre sfide importanti al Senato, in Nevada, in Illinois e in Pennsylvania. E poi i governatori.

03.02. Secondo gli exit poll della CNN, in Nevada il leader dei democratici al Senato, Harry Reid, è avanti di un punto sulla repubblicana Sharron Angle.

03.00. John McCain rieletto in Arizona, come previsto. Vincono i candidati repubblicani al Senato anche in Iowa e Lousiana.

02.59. Tra gli altri, ha perso il seggio anche il deputato democratico Grayson, uno dei più di sinistra al Congresso (piuttosto antipatico con Obama in questi due anni).

02.57. La CNN dà il democratico Deval Patrick rieletto governatore del Massachusetts.

02.55. Pronti per un’altra infornata di exit poll e proiezioni, tra pochi minuti. Importanti i dati che verranno da Iowa, Arizona e Nevada.

02.53. Quando un terzo dei voti è stato scrutinato, in Pennsylvania il democratico Sestak è ancora in vantaggio sul repubblicano Toomey per il seggio senatoriale. Democratici in vantaggio anche in Colorado.

02.51. L’elezione di un governatore repubblicano in Oklahoma era data per scontata: la notizia è che si tratta del primo governatore donna della storia dello stato, Mary Fallin.

« Pagina precedente 1 2 3 4 5 6 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.