• Mondo
  • venerdì 22 ottobre 2010

Le foto di 134 tonnellate di marijuana in fiamme

Le autorità messicane hanno festeggiato bruciando il più grosso carico di droga mai sequestrato nella storia del paese

La situazione a Tijuana è migliorata negli ultimi mesi, più arresti e meno sparatorie

Qualche giorno fa le autorità messicane hanno sequestrato la più grande partita di marijuana nella storia del paese, 134 tonnellate. Ieri il carico è stato bruciato sotto gli occhi delle forze armate di polizia e davanti agli obiettivi dei fotografi, per festeggiare la recente “fragile tranquillità” — così scrive il New York Times — di Tijuana, una delle città in cui la guerra alla droga si è sempre fatta sentire molto.

Negli ultimi tempi le sparatorie in strada alla luce del giorno sono diventate rare, non si trovano più corpi sfigurati dagli acidi e le forze dell’ordine sembrano ottenere più risultati rispetto agli anni scorsi, tra arresti importanti e, appunto, sequestri di carichi droga.

«I cittadini di Tijuana dovrebbero essere orgogliosi delle autorità e delle forze armate», ha detto il generale Alfondo Duarte Múgica, il comandante regionale dell’esercito, spingendo il pulsante che ha innescato l’incendio.

Il New York Times scrive che le 134 tonnellate sarebbero state l’equivalente di qualche centinaia di milioni di spinelli, e che la colonna di fumo era visibile da diverse miglia.
https://www.youtube.com/watch?v=a5tWlwu0Qes

Fotografie di Newscom/Zuma

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.