pubblicità

Tutto il catalogo IKEA a memoria

Tutto il catalogo IKEA a memoria

Yanjaa Wintersoul si ricorda tutto del catalogo, anche il numero dei pennarelli sui tappeti, o dove è finito un paio di occhiali da sole

Buondí, metanarrazione

Buondí, metanarrazione

Le proteste per lo spot di una merendina dicono molto di noi e di come non accettiamo nessuna narrazione, anche divertente, che "tocchi" qualcuno [Continua]

Il Post morirà con me?

Da un po’ di tempo a questa parte molti dei siti web che frequento regolarmente hanno iniziato ad accogliermi con un popup che dice più o meno: “stai utilizzando un adblocker, se vuoi continuare ad accedere ai nostri contributi disattivalo" [Continua]

La faccia "media" di sei città, ottenuta con un algoritmo

La faccia “media” di sei città, ottenuta con un algoritmo

Le modelle che compaiono nell’ultima campagna di Benetton non esistono. La campagna, che si chiama “The Face of The City” (il volto della città), aveva l’obiettivo di creare il “viso ideale”, la faccia media che rappresentasse l’identità di sei capitali della moda nel mondo: Tokyo, New York, Milano, Berlino, Parigi e Londra. I volti sono stati costruiti digitalmente, attraverso un algoritmo che ha combinato le facce di centinaia di donne. Per costruire il volto di ognuna delle città, Benetton ne ha analizzato i dati demografici: metà della popolazione di New York, ad esempio, è composta da persone nere o di origine latinoamericana. A Milano, invece, le più numerose comunità straniere sono quelle dei filippini e degli egiziani. I visi delle donne della campagna di Benetton, anche se risultano comunque “belli” in modo standard, tengono conto della composizione della popolazione delle città e delle caratteristiche fisionomiche che devono essere rappresentate per ottenere un ritratto inclusivo.