Caterina è una trottola

Masolino, Cappella di San Clemente a Roma

Quando udì queste parole Massenzio rimase molto turbato, perché nessun suddito del suo impero conosceva la canzone fino al punto in cui il bue beveva l’acqua – anche il più anziano dei gugol di corte sapeva risalire fino all’acqua che spense il fuoco, ma il ruolo del bue in tutto ciò era stato ormai dimenticato da generazioni, insomma Caterina ne sapeva proprio a pacchi e Massenzio cominciò a tentennare, vuoi vedere che suo papà è davvero uno potente. Mah, boh, che si fa? Per prima cosa legàtela, disse Massenzio ai suoi collaboratori a tempo determinato.

“Sire, non si può, ella gira e non sta ferma un attimo”.
“Dannata gioventù”.
“Ci ha già fatto stramazzare tre cavalli a dondolo e uno gnu”.
“Sfiancatela con l’altalena”.
“Ha consumato la catena”.
“Caterina ma insomma sei un totale disastro, cosa vuoi da me?”
“Devi accettare che mio papà è il più grande di tutti”.
“Caterina ma insomma mettiti nei miei panni sono un imperatore malvagio che figura ci faccio?”
“Silenzio ora canterò la sigla della Pimpa originale”.
“Ah ah Caterina piantala, nessuno si ricorda la sigla della Pimpa originale”.
E la Pimpa corre e va / in campagna ed in città“.
“Per gli dèi non è possibile! Tutte le videocassette della serie originale sono state distrutte nel rogo del quarantadiciannove! Com’è possibile che tu abbia accesso a codeste informazioni?”
“Me la canta sempre mio papà”.
“Caterina senti non ho voglia di litigare, mi sembri una fanciulla piena di spirito e di sapienza, onora gli dèi e farò di te la prima principessa del regno, anzi dell’impero, tutti si prostreranno a te e…”
“Non è che hai del panino?”
“Va bene, allora adesso facciamo così. Inviterò i cinquanta saggi più saggi dell’impero, verranno qui e discuteranno con te, ti confuteranno e ti surclasseranno in sapienza e a quel punto ti addormenterai, d’accordo?”
“Una zebra à pois, à pois, à pois”.
“E non cambiare sempre argomento”.

« Pagina precedente 1 2 3 Pagina successiva »