Il canestro della vittoria di Steph Curry a Dallas, quando mancavano tre secondi

Il canestro della vittoria di Steph Curry a Dallas, quando mancavano tre secondi

Come già successo nel 2013 e nel 2014, mercoledì notte Steph Curry ha risolto la partita dei Golden State Warriors contro i Dallas Mavericks, che si era rivelata più complicata del previsto. Sul punteggio di 122-122, a tre secondi dalla fine Curry ha segnato un canestro da tre punti dopo essersi trovato libero da marcature grazie a un blocco del compagno di squadra Draymond Green, che gli ha permesso di andare al tiro facilmente. Quella ottenuta contro Dallas è la seconda vittoria consecutiva per Golden State, saldamente in testa alla loro conference con trenta vittorie in trentotto incontri disputati.

Un tizio è sceso dal suo aereo Ryanair passando per l’ala

Un tizio è sceso dal suo aereo Ryanair passando per l'ala

Due giorni fa è successo un episodio bizzarro all’aeroporto di Malaga, in Spagna, che ha coinvolto un uomo polacco di 57 anni. L’uomo era a bordo di un aereo Ryanair partito in ritardo di quasi un’ora dall’aeroporto londinese di Stansted. Arrivato a Malaga, impaziente per il ritardo accumulato e per le lentezze delle operazioni di sbarco, l’uomo ha deciso di uscire dal portellone di emergenza e di scendere passando per l’ala: la scena è stata ripresa da un altro passeggero.

L’equipaggio ha fermato quasi subito l’uomo, obbligandolo a rientrare nell’aereo e ad aspettare la polizia. L’uomo poi è stato arrestato.

Una scena del film “L’ora più buia”, su Winston Churchill

Una scena del film "L'ora più buia", su Winston Churchill

Il 18 gennaio uscirà nei cinema italiani L’ora più buia, un film del regista Joe Wright (famoso per i film Orgoglio e pregiudizioEspiazione e Anna Karenina) sull’ex primo ministro britannico Winston Churchill, interpretato da Gary Oldman, l’attore di Dracula di Bram Stoker e La talpa, tra le altre cose. Nel cast del film ci sono anche Lily James (Downton Abbey) e Ben Mendelsohn. Il titolo del film si riferisce alle prime settimane di Churchill da primo ministro, nel 1940, all’inizio della Seconda guerra mondiale. Il film è già uscito negli Stati Uniti, dove è stato apprezzato dalla critica in particolare per l’interpretazione di Oldman. In questa scena Churchill concorda un appuntamento con il re Giorgio VI, conosciuto tra le altre cose per i suoi problemi di balbuzie.

Nuovo Flash