Il Monopoli ha sostituito tre sue storiche pedine con un sondaggio online

Il Monopoli ha sostituito tre sue storiche pedine con un sondaggio online

Dopo un voto online a cui hanno partecipato 4,3 milioni di persone da 146 diversi paesi, sono state scelte alcune nuove pedine del Monopoli, il famoso gioco in scatola che dagli anni Novanta è distribuito dalla Hasbro: una avrà la forma di un T-Rex, una di una paperella e un’altra di un pinguino. Prenderanno il posto dello stivale, del ditale e della carriola. Gli utenti potevano votare tra 64 possibili pedine (compreso un hashtag e un’emoji che strizza l’occhio). Oltre al pinguino, alla papera e al T-Rex ce l’hanno fatta anche alcune vecchie pedine: il cane, il cappello, la macchina, il gatto e la nave. Le nuove pedine arriveranno nei Monopoli che saranno venduti il prossimo autunno e qui Hasbro ha reso omaggio a quelle che non ce l’hanno fatta, celebrando le nuove arrivate. Scegliete voi se essere tristi e nostalgici o entusiasti per il futuro.

Il trailer di 17 anni (E come uscirne vivi), di cui tutti parlano benissimo

Il trailer di 17 anni (E come uscirne vivi), di cui tutti parlano benissimo

17 anni (E come uscirne vivi) (The Edge of Seventeen, nella versione originale) uscirà in Italia il 30 marzo, e tutti ne parlano molto bene. Racconta di una 17enne americana – Nadine – e dei suoi problemi a scuola, con gli amici, con la madre e insomma di tutte le cose da cui passano molti adolescenti in tutto il mondo. Nel cast ci sono Hailee Steinfeld, che interpreta Nadine, e Woody Harrelson, che interpreta un suo insegnante. Il film è stato diretto da Kelly Fremon Craig.

Quante ore di corsi bisogna fare per assumere una ragazza delle pulizie per tre mesi

Quante ore di corsi bisogna fare per assumere una ragazza delle pulizie per tre mesi

Sta circolando molto online una lettera pubblicata oggi dal Corriere della Sera che mostra un pezzo di Italia che alcuni conoscono benissimo (quelli che ci hanno a che fare, perché gestiscono un’impresa) e di cui altri hanno spesso un’idea molto vaga e poco concreta (non tutti i corsi elencati dall’autore della lettera sono obbligatori, però).

Caro direttore, in questi giorni in cui si parla di voucher, le scrivo per raccontarle che cosa succede a una microimpresa come la mia, finora senza dipendenti, che decide di assumere un lavoratore stagionale a tempo determinato. Nel mio caso si tratta della ragazza delle pulizie che l’anno scorso ha lavorato per me con i voucher e che, prima ancora che si annunciassero tutti questi cambiamenti, avevo già deciso di confermare con un contratto per l’estate 2017, per fare le cose perbene e perché se lo merita. Il contratto sarà per 3 mesi e 15 giorni, part time, 20 ore settimanali.

Ecco però cosa mi succede ora: io divento — giustamente — datore di lavoro e, ai sensi del D.Lgs 81/08, ho tutta una serie di adempimenti in materia di sicurezza sul lavoro da rispettare, soprattutto corsi da frequentare. Nel mio caso specifico (azienda a rischio basso) mi aspettano: 16 ore corso Rspp (responsabile servizio prevenzione e protezione); 12 ore corso primo soccorso; 4 ore corso antincendio; 20 ore di corso per la sicurezza alimentare (solo per il fatto di essere titolare di un’attività dove si maneggiano alimenti preparati da altre aziende già a loro volta sicure e certificate: sostanzialmente metto in tavola prodotti confezionati e preparo caffé e cappuccino); 8 ore di corso di sicurezza sul lavoro per la dipendente; 32 ore di corso Rls (rappresentante dei lavoratori per la sicurezza) sempre per la dipendente.

(continua a leggere)

Nuovo Flash