Com’è cambiata Seattle negli ultimi tre anni, in time-lapse

Com'è cambiata Seattle negli ultimi tre anni, in time-lapse

L’ingegnere Ricardo Martin Brualla ha realizzato un video in timelapse utilizzando 2.166 foto scattate negli ultimi tre anni dalla webcam sullo Space Needle di Seattle, il famoso grattacielo con il disco in cima. Brualla ha fatto due foto al giorno alle riprese della webcam, una alle 10.30 e una alle 14.30, e le ha montate insieme per mostrare com’è cambiata negli ultimi tre anni una delle città che si stanno espandendo più rapidamente negli Stati Uniti: si vedono grattacieli in costruzione, edifici demoliti e ricostruiti, navi che attraccano al porto e alberi che cambiano colore a seconda delle stagioni. Brualla ha spiegato su Medium alcuni dettagli sui cambiamenti di Seattle e su come ha realizzato il video.

La canzone di Kendrick Lamar e SZA per il film “Black Panther”

La canzone di Kendrick Lamar e SZA per il film “Black Panther”

Kendrick Lamar e SZA, due tra gli artisti di maggior successo della musica hip hop e R&B mondiale, hanno diffuso “All the Stars” la canzone che hanno fatto insieme per la colonna sonora del film Black Panther, il primo tratto dall’omonimo supereroe Marvel e il primo di questo tipo ad avere un protagonista afroamericano. Il film uscirà il 14 febbraio in Italia.

In Florida cadono iguane congelate dagli alberi

In Florida cadono iguane congelate dagli alberi

In tutta la costa orientale degli Stati Uniti in questi giorni c’è molto freddo, anche in Florida, lo stato più meridionale: ieri per esempio la temperatura minima è stata di 3°C, molto bassa per la Florida. Una delle conseguenze è che le iguane, una specie invasiva nello stato, si paralizzano: è una cosa che succede con temperature comprese tra i 4 e i 10°C ed è dovuta al fatto che le iguane sono rettili, e quindi animali a sangue freddo, e se la temperatura esterna scende troppo vanno come in stand-by, fino a quando il Sole non le riscalda abbastanza o fino a che non muoiono.

Di solito le temperature più basse sono quelle notturne, per cui molte persone in Florida hanno visto iguane cadute dagli alberi al mattino.

I giornali locali spiegano di non portare in casa le iguane paralizzate, perché è sufficiente un piccolo aumento della temperatura per risvegliarle.

Le basse temperature non paralizzano solo le iguane ma anche altri rettili, comprese le tartarughe marine che capita di trovare immobilizzate sulle spiagge. In questo tweet ad esempio si vede un tipo di lucertola chiamata anolide cubano (nonostante l’autore dell’immagine pensava si trattasse di un’iguana).

Nel caso in cui le basse temperature si prolunghino per diverso tempo, alla paralisi segue la morte: nel 2010 molte iguane morirono in questo modo e lo stesso accadde a molti pitoni delle rocce birmani, un’altra specie invasiva in Florida. La commissione che si occupa di salvaguardia ambientale in Florida si occupa tra le altre cose di soccorrere le tartarughe marine paralizzate dal freddo, ma per le iguane non fa altrettanto, visto che sono una specie invasiva che rovina i giardini, scava tunnel dannosi per le fondamenta delle case e può trasmettere la salmonella. Anzi l’effetto del freddo può aiutare a catturare le iguane per poi farle sopprimere.

I rettili comunque non sono gli unici animali che possono morire a causa delle basse temperature: è successo anche agli squali trovati morti sulle spiagge del Massachusetts negli ultimi giorni.

Nuovo Flash