Il caso polizze Raggi fa acqua?

Mettiamo in fila cosa sappiamo sul caso “polizze di Virginia Raggi” e perché questa storia sembra fare acqua da tutte le parti.

∙ Salvatore Romeo, impiegato del Comune di Roma, ha reso Virginia Raggi beneficiaria di due polizze vita da 30 mila e 3 mila euro. Raggi e Romeo dicono che Raggi non ne era stata informata.
∙ Dopo l’elezione di Raggi, Romeo è stato promosso ed è diventato un importante consulente per il sindaco.
∙ Nonostante alcuni regolamenti sembrino specificare che il beneficiario di una polizza debba essere sempre informato, nella prassi questo spesso non avviene, come hanno scritto tutti i giornali e come hanno confermato al Post diversi assicuratori.
∙ Raggi avrebbe potuto riscuotere le polizze in caso di morte Romeo. Secondo il Corriere della Sera, unico giornale a scriverlo, le polizze erano di un tipo che permetteva a Raggi di riscuoterle anche prima della morte di Romeo, allo scattare di alcune condizioni.
∙ I magistrati, scrivono i giornali, ritengono che i soldi che Romeo ha investito nelle polizze di cui Raggi era beneficiaria, e in altre polizze di cui erano beneficiari amici e conoscenti (molti iscritti al Movimento 5 Stelle), fossero soldi suoi, detenuti legittimamente.
∙ I magistrati, sempre secondo i giornali, scrivono che le polizze sottoscritte da Romeo non erano uno strumento adatto alla corruzione.

Questo è quello che sappiamo: sono tutte informazioni che arrivano dai giornali e che quindi vanno prese con cautela. Negli ultimi giorni, diversi quotidiani hanno ipotizzato quali comportamenti scorretti si potrebbero nascondere dietro questi fatti (in particolare lo ha fatto il Corriere della Sera, il più sospettoso di tutti).

∙ Le polizze in realtà sono tangenti. Romeo promette a Raggi 33 mila euro nel caso lei lo favorisca. Per dimostrarle che ha davvero i soldi, apre delle polizze del valore delle tangenti. Non appena riceve il favore, smobilita le polizze, o fa scattare le condizioni per cui lei stessa può ritirare il premio, e Raggi incassa.
∙ Sono finanziamenti occulti. Romeo ha raccolto il denaro di finanziatori occulti del Movimento 5 Stelle o della corrente di Virginia Raggi e li ha investiti in polizze assicurative in attesa di utilizzarli per fare attività politica.
∙ Servono a comprare voti. È un’ipotesi fatta questa mattina da Fiorenza Sarzanini sul Corriere della Sera, senza però spiegare il preciso meccanismo con cui questo potrebbe avvenire e i voti di chi avrebbe dovuto comprare Romeo in questo modo.
∙ È un ricatto. Romeo ha preparato una trappola per Raggi, rendendola beneficiaria di una polizza a sua insaputa e poi minacciandola di rivelare tutto ai giornali se non fosse stato promosso.

Perché questa storia fa acqua?

∙ Romeo ha ricevuto la sua promozione, Raggi ha vinto le elezioni, ma la tangente o l’ipotetico finanziamento irregolare non sono stati pagati: le polizze sono ancora lì. A cosa serve una tangente o un finanziamento politico se non viene pagata?
∙ Sono pochi soldi. Davvero è possibile ipotizzare che il futuro sindaco di Roma si impegni a promuovere un impiegato comunale, mettendo a rischio il suo futuro politico, in cambio di 30 mila euro?
∙ Se si tratta di tangenti, perché usare una polizza che, come abbiamo visto, lascia tracce che i magistrati possono individuare? Se l’intera operazione fosse avvenuta in contanti non ci sarebbe stata alcuna traccia.
∙ Se è un ricatto, è un ricatto molto debole. Romeo non può provare che Raggi fosse informata di essere il beneficiario e, in ogni caso, valgono tutte le considerazioni precedenti.

Ripetiamo ancora una volta che le informazioni che abbiamo sono parziali. I magistrati non hanno detto nulla ufficialmente e non è chiaro quanto accesso abbiano alle carte i giornalisti che parlano del caso. Tutto potrebbe cambiare nel giro di poche ore. Detto questo, se le informazioni in nostro possesso fino a questo momento fossero corrette, cosa ancora non torna?

∙ Perché Romeo, come scrivono tutti i giornali, cambiava spesso i beneficiari delle sue polizze? E perché inventava causali per le polizze false? Ad esempio, ha indicato come “figlia” un’attivista del Movimento 5 Stelle di pochi anni più giovane di lui.
∙ Davvero Raggi non sapeva della polizza? Non solo le regole, spesso aggirate, prevedono che il beneficiario debba essere informato, ma nei casi di altre polizze, risulta che Romeo abbia effettivamente informato la persona che aveva reso beneficiaria.
Naturalmente in questa ricostruzione potrebbe essermi sfuggito qualcosa. Se avete correzioni o suggerimenti, scrivete pure nei commenti.

Mostra commenti ( )