Che programma ha Salvini sull’immigrazione?

La Lega Nord e il suo leader Matteo Salvini ricevono spesso critiche sulle loro politiche di contrasto all’immigrazione. Si tratta di critiche ingiuste e pregiudizievoli, soprattutto perché quelle politiche, praticamente, non esistono. Su questo tema, infatti, la Lega ha prodotto numerosi slogan orecchiabili e frasi ad effetto – 851 soltanto dal segretario Salvini nell’ultimo anno secondo l’archivio dell’ANSA -, ma i programmi organici, chiari e basati su stime precise sono pochi e anche piuttosto scarni. Prendiamo ad esempio il documento programmatico, pubblicato lo scorso 20 febbraio e raggiungibile bene in vista sulla colonna destra del sito della Lega. Si intitola “Immigrazione: linee guida generali Lega Nord” ed è un pdf di 20 pagine realizzato da Toni Iwobi, il responsabile delle politiche sull’immigrazione e la sicurezza del partito.

In questo documento non c’è molto su cui affondare i denti. Le prime dieci pagine spiegano come la Lega Nord sia favorevole all’immigrazione regolare, illustrano le attuali leggi italiane in materia e presentano diverse tabelle e dati statistici. A pagina undici arrivano le prime proposte. Sono contenute in 1.976 caratteri spazi inclusi e possono essere riassunte anche in meno: aumentare la lotta agli scafisti e chiedere più soldi all’Europa per farlo:

Bisogna in tal senso aumentare lo sforzo nello sgominare le organizzazioni criminali che lucrano sulla disperazione della gente, identificare i soggetti responsabili della quotidiana tratta di esseri umani e impedire che continuino a svolgere tale crimine!

Ho chiesto a Iwobi in che modo bisognerebbe combattere gli scafisti e quanto la Lega stimi che possa costare farlo, ma la Lega non ha ulteriori dettagli su questo fronte (ma a quanto pare il partito sta organizzando un “tavolo tecnico” con alcuni esperti che dovrebbe svolgersi nelle prossime 2-3 settimane).

Altri 1.833 caratteri (spazi inclusi) sono dedicati alla questione dei richiedenti asilo che, dice la Lega, in futuro dovranno essere distribuiti tra i paesi europei in maniera diversa da come si fa ora (oggi si può richiedere asilo soltanto nel primo paese europeo in cui si mette piedi). Se vi chiedete quali criteri di distribuzione andrebbero adottati, quali siano i costi e quali siano i risparmi che un simile piano potrebbe portare, resterete delusi. A guardare le proposte di legge fatte dai parlamentari della Lega le cose non migliorano: sul sito del partito se ne trova solo una a proposito di immigrazione e propone l’inasprimento delle pene per chi commette il reato di clandestinità (un reato che dovrebbe essere soppresso grazie a una legge delega).

Le cose non vanno meglio con i programmi politici ufficiali, come ad esempio quello per le elezioni europee del 2014. All’immigrazione è dedicata circa mezza pagina che contiene due proposte. La prima è diminuire l’ingerenza dell’Unione Europea nella gestione dell’immigrazione. Il documento però non specifica quale aspetto andrebbe moderato, in che modo e con quali potenziali risultati. Il secondo punto parla di “presidio costante” delle nostre frontiere e azioni di respingimento. Nel paragrafo successivo il programma sostiene la necessità di siglare accordi bilaterali proprio a questo scopo, ma non specifica con quali paesi potranno essere sottoscritti (sembra al momento difficile, infatti, poterlo fare con la Libia).

Per trovare idee e proposte bisogna rinunciare a cercarle sui documenti scritti e affidarsi alle dichiarazioni alla stampa. Nelle ultimi due settimane, il leader Salvini ha fatto altre due proposte che si aggiungono alle poche contenute nei programmi scritti: fare come l’Australia e mettere in piedi un blocco navale davanti alle coste della Libia. Sono due proposte simili che mirano allo stesso scopo: rimandare indietro tutti i migranti senza fare passare più nessuno a cui non sia già stato riconosciuto il diritto di asilo politico. Di come l’Australia è riuscita ad ottenere questo obbiettivo avevo scritto qui, mentre Giovanni Zagni ha illustrato i problemi di un blocco navale. Per riassumere: le due proposte di Salvini lasciano aperti più interrogativi di quanti ne chiudano. Quanto ci costerebbe presidiare costantemente le frontiere marittime italiane come fa l’Australia? Come risolvere il problema della legalità di un blocco navale? Se la Libia è uno stato fallito del tutto inaffidabile, con quali paesi potremmo fare accordi simili a quelli dell’Australia?

In altre parole la Lega Nord sembra essere in grande ritardo su uno dei suoi temi chiave: nonostante il 2014 sia stato l’anno record degli sbarchi, con l’arrivo in Italia di 170 mila migranti, il documento prodotto nel febbraio del 2015 manca di qualunque visione strategica e di proposte pratiche per cambiare le cose, mentre le dichiarazioni del leader del partito non vanno aldilà degli slogan senza nemmeno una cifra a sostegno. L’impressione che si ricava è che al partito la situazione attuale dell’immigrazione vada bene com’è. È possibile che in molti condividano questa opinione, ma quegli elettori che votano la Lega Nord nella speranza di una stretta decisiva sul tema faranno bene a fare pressioni sul partito e sul suo leader affinché su questo tema si mettano a lavorare con un po’ più di serietà di quella che hanno usato fino ad ora.

Correzioni
In una versione precedente di questo articolo avevo erroneamente riportato che il reato di clandestinità era già stato abolito.

Mostra commenti ( )