Le balle su Grillo, il PD e il governo

Nel suo editoriale di ieri sul Fatto Quotidiano Marco Travaglio ha ricostruito le trattative tra il Movimento 5 Stelle e il Partito Democratico negli ultimi due mesi. Secondo Travaglio, il M5S era pronto ad appoggiare un governo del PD in cambio dell’elezione di Stefano Rodotà alla presidenza della Repubblica. Non solo: anche nelle settimane precedenti il M5S era disponibile a un governo di coalizione con il PD, purché guidato da una personalità super-partes e non da Bersani. È falso, scrive Travaglio, che il M5S volesse fin da subito un governo PD-PDL, per raccogliere i voti degli elettori PD delusi.

Questa ricostruzione, molto diffusa negli ambienti vicini al Movimento 5 Stelle, sul Fatto Quotidiano e a Servizio Pubblico è del tutto falsa – almeno andando a vedere le dichiarazioni pubbliche dei protagonisti. Il M5S si è ripetutamente opposto a ogni tipo di governo insieme al PD, con Bersani e senza. L’unica apertura che ha compiuto, durante le votazioni per il presidente della Repubblica, è stata fumosa, poco chiara e, nel caso, facile da ritirare.

Chi sostiene la tesi di Travaglio pecca esattamente della colpa che nella sua rubrica di ieri ha attribuito agli avversari di Grillo: avere la memoria a breve termine di un pesce rosso. Dimostrarlo non è complicato: basta dare un’occhiata a quanto hanno riportato giornali e agenzie negli ultimi 60 giorni.

Tre giorni dopo le elezioni Grillo dichiarò immediatamente qual era l’obbiettivo del suo movimento: «Se proprio PD e PD meno L ci tengono alla governabilità, possono sempre votare, loro, la fiducia al primo Governo targato M5S». Il 2 marzo ha ripetuto: «Per quanto mi riguarda, lo ripeto per l’ultima volta, il M5S non darà la fiducia a nessun governo (tanto meno a un governo PD-PdL), ma voterà legge per legge in accordo con il suo programma» e ha aggiunto: «Il M5S […] non farà alleanze». L’11 marzo, secondo le agenzie, Roberta Lombardi aveva affermato durante una riunione del gruppo parlamentare: «Chi fa accordi col PD è fuori».

Il M5S non era ostile solo a un governo PD – con o senza Bersani: non voleva nemmeno un governi tecnico. Il 5 marzo Grillo ha dichiarato: «Il M5S non darà la fiducia a un governo tecnico». Il deputato Alfonso Bonafede, lo stesso giorno dichiarava: «Noi al governo ci andremmo, ma da soli. Grillo sicuramente accetterebbe l’incarico, se si potesse fare un governo tutto nostro». Il 10 marzo Grillo minacciò di ritirarsi dalla politica se fosse stata votata una fiducia a un governo: «Qualora ci fosse un voto di fiducia dei gruppi M5S a chi ha distrutto l’Italia mi ritirerei dalla politica». Vito Crimi il 16 marzo dichiarava: «Noi fiducie in bianco non ne diamo».

Il 20 marzo, prima delle consultazioni, Crimi e Lombardi hanno ripetuto ancora: «No ad un esecutivo Bersani; no ad un esecutivo composto da un personaggio di “alta caratura”; no ad un esecutivo istituzionale guidato, ad esempio, proprio da Grasso» e hanno aggiunto: «L’unico governo che voteremmo è un esecutivo a cinque stelle». Alle consultazioni con il presidente della Repubblica chiesero un governo a 5 Stelle e il 21 marzo Grillo ha ribadito: «Il M5S non accorderà alcuna fiducia a governi politici o pseudo tecnici con l’ausilio delle ormai familiari ‘foglie di fico’ come Grasso».

Ma non è solo Grasso a non andare bene: il problema è proprio votare qualcosa insieme al PD. Il 22 marzo Crimi ha fatto sapere che anche un uomo del 5 Stelle, con i voti del PD, non andava bene: «Bisogna capire chi porta Zagrebelsky, dove e come lo circonda. Il suo come quello di altri che vengono citati, è un nome assolutamente stimato e impeccabile, ma messo li’ e circondato da questa politica e da questo Pd, non so fino a che punto sarebbe un cambiamento. Vediamolo. Dopo ne parliamo». E Grillo lo stesso giorno ribadiva: «No alla fiducia a qualsiasi governo. Sia politico che tecnico, se portato avanti da ”questi partiti”».

Il vice-presidente della Camera, Luigi di Maio del M5S, hai chiarito negli stessi giorni che nessun nome che arrivasse dal PD avrebbe mai potuto portare alla formazione di un governo, nemmeno “se fosse Gandhi”: «Non ci convincerebbe lo stesso. Perché qui non è un problema di nomi. E, a dirla tutta, non è nemmeno un problema relativo alla persona-Bersani. Noi riteniamo non credibile una proposta politica che venga da un partito che negli ultimi anni non ha fatto ciò che aveva promesso. Anzi, ha fatto il contrario. Come tutti gli altri’».

Mai con il PD, in nessun modo: la deputata Carla Ruocco ha ricordato proprio in quei giorni che con il PD c’è una ”distanza siderale” che il M5S non ha ”nessuna intenzione di accorciare”. Dopo il giro di consultazioni di Bersani, Vito Crimi ha ricordato ancora: «Non ci sono le condizioni perché noi del M5S si possa dare fiducia ad un governo fatto da questi partiti: né politico né tecnico».

Cosa pensava Grillo dell’idea di scambiare una carica – come sarebbe stato il presidente della Repubblica – con l’appoggio a un governo lo faceva sapere già il 1 marzo: «In questi giorni è in atto il mercato delle vacche. Al M5S arrivano continue offerte di presidenze della Camera, di commissioni, persino di ministri. Il M5S, i suoi eletti, i suoi attivisti, i suoi elettori non sono in vendita».

Travaglio ha anche sostenuto che non facesse parte della strategia del M5S spingere il PD ad allearsi con il PDL. Sempre stando alle dichiarazioni pubbliche, non sembra vero nemmeno questo. Gianroberto Casaleggio, in un’intervista al Guardian il primo marzo, faceva sapere che l’accordo PD-PDL è ben visto dal movimento: «Se verrà messo insieme un governo, formato da altri partiti,  il Movimento darà il proprio voto a tutto ciò che costituisce parte integrante del proprio programma».

Claudio Messora, il blogger che pochi giorni dopo sarebbe diventato uno dei due responsabili della comunicazione dei gruppi parlamentari del M5S, diceva alla Zanzara lo stesso giorno: «La strategia di Grillo è lasciarli scornare per poi presentarsi alle prossime elezioni e prendere la maggioranza assoluta. Il movimento vive perché è coerente e non può mettersi a trattare».

Dopo tutte queste dichiarazioni, il 19 aprile, arrivò quella che, secondo Travaglio, dovrebbe rappresentare l’apertura definitiva del Movimento 5 Stelle al PD. La dichiarazione venne riassunta nei titoli di giornali e telegiornali così: «Grillo ribadisce al Pd: “Votate Rodotà e si apriranno praterie per il governo”». La dichiarazione venne attribuita da alcuni giornali ad un comizio di Grillo, ma nessun servizio di telegiornale mostra Grillo pronunciare questa frase (segnalatecelo nei commenti se lo avete trovato).

Nelle agenzie di quei giorni questa dichiarazione compare in maniera differente: il voto per Rodotà «aprirà praterie» viene riportato tra virgolette, mentre “per il governo” è un’aggiunta del giornalista. La dichiarazione è attribuita a Crimi e Lombardi durante l’assemblea dei parlamentari del M5S, quindi probabilmente si tratta di una frase riferita da una fonte anonima. Questa era l’unica, concreta e più o meno pubblica apertura alla possibilità di un governo con il PD fatta dal M5S in oltre due mesi.

Quasi nessuna attenzione in quei giorni, e nemmeno oggi, è stata data a un’intervista di Riccardo Nuti, vice-capogruppo alla Camera del M5S. Nell’intervista Nuti sosteneva con molta chiarezza e senza mai essere smentito, che l’elezione di Rodotà non avrebbe automaticamente aperto la porta a un governo insieme al PD.

Riassumendo: nel corso di 60 giorni il Movimento 5 Stelle ha pubblicamente e ripetutamente detto di no a un governo Bersani, a un’alleanza con il PD senza Bersani, a un governo tecnico, a un governo di personalità super-partes e persino a un governo di personaggi come Zagrebelsky – se fosse stato proposto dal PD. L’unica alternativa che ha pubblicamente detto di accettare era quella di un governo del M5S.

A fronte di questa chiusura, durante la votazione per il presidente della Repubblica, è filtrata – non si sa bene da chi, non si sa bene da dove – una voce misteriosa che lasciava intravedere una timidissima apertura ad una qualche possibilità di governo con il PD. Forse Travaglio possiede informazioni che non abbiamo: il M5S potrebbe aver compiuto aperture più chiare a porte chiuse, ma tutti sanno che una promessa pubblica e solenne è più difficile da rimangiarsi di una confidenza a quattrocchi. Questo impegno solenne, a differenza di quanto scrive Travaglio, non c’è mai stato.

Mostra commenti ( )