La risposta del Movimento 5 Stelle sui plagi del programma

Dice due cose false: che nel programma sono riportati solo "analisi dei dati e studi di enti terzi" e che le parti copiate "sono chiaramente riportate"

(ANSA/ALESSANDRO DI MEO)

Ieri sera il gruppo parlamentare del Movimento 5 Stelle ha risposto all’articolo del Post in cui venivano elencati i numerosi plagi presenti nel programma del partito. In una nota dettata alle agenzie di stampa (che si può leggere qui) il Movimento ammette di aver riportato testi scritti da terze persone all’interno del suo programma, ma sostiene che si tratti solo di «analisi dei dati e di studi di enti terzi» e che «le parti che secondo loro [il Post] sono copiate» sono in realtà «chiaramente riportate». Sono due affermazioni false.

Nel programma non sono stati copiati solo studi e analisi, ma anche interrogazioni parlamentari del PD, articoli di giornale, articoli di Wikipedia e persino un pezzo di una tesi di laurea. Qui è possibile controllare l’elenco dei plagi trovati dal Post. Soprattutto, però, non è vero che le parti copiate sono sempre chiaramente riportate. È vero che alcuni programmi tematici, come quello Energia, sono stati realizzati con cura, con note a piè di pagina che indicano le citazioni: e infatti il Post non se ne occupa e non li ha inclusi nel suo articolo.

Altri capitoli, come quello Sviluppo economico, contengono numerosi brani tratti da altri documenti che non sono in alcun modo segnalati. Sono plagi, alcuni dei quali molto rilevanti: negli articoli di giornale copiati, per esempio, sono stati eliminati i virgolettati, così da far sembrare le risposte degli intervistati parole degli autori del programma.

Nella nota dettata alle agenzie, il Movimento 5 Stelle attacca i programmi degli altri partiti, che, accusa «presentano sintesi sciatte e improvvisate che non hanno nulla a che vedere con un vero programma di governo». Anche questa è un’accusa falsa: i programmi del Partito Democratico, di +Europa e di Liberi e Uguali non solo non contengono plagi, ma non appaiono particolarmente sciatti o improvvisati, soprattutto se messi a confronto con quello del Movimento 5 Stelle. Capitoli come quello che riguarda lo Sviluppo economico non sono stati impaginati correttamente e sono ancora pieni di refusi ed errori. Altri, che pure si occupano di argomenti importanti come Fisco e Lavoro, sono lunghi poche pagine e decisamente poco approfonditi. L’unico programma a meritare parte delle critiche fatte dal Movimento è quello del centrodestra che, più che un programma, è un elenco sintetico di punti.

«Le proposte del programma sono frutto di elaborazione originale e di studi durati mesi», conclude la nota del Movimento 5 Stelle, ma al Post risulta che il lavoro sul programma sia stato in realtà caotico, opaco e frettoloso. Per esempio non è possibile risalire agli autori dei singoli capitoli del programma, né al metodo utilizzato per elaborarli. Al Post risulta che la maggior parte del lavoro sia stata fatta dai parlamentari e dai loro staff che hanno raccolto il materiale spesso eterogeneo prodotto dagli iscritti sulla piattaforma Rousseau, il sito del Movimento controllato da Davide Casaleggio, e lo hanno riassunto e organizzato con risultati molto variabili. In alcuni casi la sintesi ha prodotto documenti di alto livello, in altri testi confusi e in buona parte plagiati.

Leggi anche:
Che cosa dicono i programmi elettorali di tutti i partiti, in vista delle prossime elezioni

Mostra commenti ( )